Furgoni rubati per saccheggiare le aziende e poi bruciati per divertimento

Sono 15 i furti registrati dai carabinieri nel periodo tra settembre e novembre 2019, tutti verificatesi nella zona artigianale di Torri di Quartesolo. Nei guai un 25enne

Le telecamere di videosorveglianza hanno permesso di incastrare Massimo Tecchio, 25enne, già gravato da precedenti, finito in carcere con l'accusa di furto aggravato e riciclaggio e reiterazione del reato.

Il giovane è infatti ritenuto essere responsabile di una scia di furti commessi tra settembre e novembre 2019 nella zona artigianale di Torri di Quartesolo. Ad incastrarlo le impronte lasciate nei furgoni rubati da alcune aziende e poi incendiati. 

Le telecamere hanno permesso ai carabinieri di appurare come Tecchio con l'aiuto di alcuni complici andasse a porto sicuro nelle aziende. Caricavano il materiale sui furgoni che poi venivano distrutti dalle fiamme, anche per divertimento perchè Tecchio ha dei precedenti per piromania.  Facevano una o due visite a settimana. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Furgoni ma anche auto. Sei gli autocarri rubati, 4 bruciati, dei quali due a Torri di Quartesolo, uno a Grumolo e uno a Montegalda. 40mila euro di bottino tra a furgoni e merci rubata. Sono in corso indagini per individuare i complici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto finisce capovolta nel torrente: muore conducente, ferita la passeggera

  • Rientrano dalle ferie in Crozia: cinque ragazzi positivi al Coronavirus

  • Allagamenti e frane, il Vicentino flagellato dal maltempo: alluvione a Solagna

  • Coronavirus, boom di contagi: effetto focolaio di Casier

  • Tragedia in strada Lobia, il mondo del calcio piange il suo portierone: "Ciao Pilo"

  • Baraonda dei rapper in albergo: intervento della polizia, denunce ed “espulsione”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento