rotate-mobile
Cronaca Zona Industriale / Viale della Scienza

Impresa con passivo per eludere le tasse: è del gruppo Valbruna

L'Agenzia delle Entrate accusa il colosso berico di aver creato una subholding con un passivo di 100 milioni per agevolare fiscalmente le altre imprese del gruppo. L'azienda contesta

Hanno inserito tra le aziende del gruppo una subholding con un passivo da 99,9 milioni di euro per permettere alle altre imprese di eludere il fisco per 12 milioni di euro. E' l'accusa che la Direzione Provinciale dell'Agenzia delle Entrate fa alla Valbruna spa, il colosso berico dell'acciaio.

Secondo il Fisco, una delle società del Gruppo avrebbe liquidato la propria partecipazione in una società olandese, realizzando un passivo pari a 99,9 milioni di euro. Un'operazione tecnicamente corretta e assolutamente legale, sottolineano le Entrate, ma dettata non da ragioni economiche bensì dalla volontà di creare vantaggi fiscali. Con il bilancio consolidato, infatti, la perdita della subholding viene spalmata sulle altre imprese, riducendo così gli oneri.

La multa è calcolata in 6 milioni di euro, cifra non  drastica per la Valbruna ma l'azienda si difende: l'operazione è stata fatta per ragioni aziendali e non fiscali, sostiene la famiglia Ameduni.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impresa con passivo per eludere le tasse: è del gruppo Valbruna

VicenzaToday è in caricamento