rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Cronaca

Rissa con vigilantes e carabinieri per una maglietta da 30 euro: arrestati due fratelli

Emanuele e Daniel Kwakwah, 21 e 27 anni, residenti a Castello di Godego, Treviso, ma originari del Ghana, sono stati arresti dai carabinieri dopo aver tentato una rapina al Carrefour di Thiene, Vicenza. Bottino: una maglietta

Rissa con i vigilantes prima e con i carabinieri poi per una maglietta da 30 euro. In carcere, con le accuse di furto aggravato in concorso, rapina impropria e resistenza a pubblico ufficiale sono finiti due fratelli di origine ghanese, arrrivati sabato pomeriggio da Castello di Codegno, nel trevigiano, per compiere il furtarello al Carrefour di Thiene. Si tratta di Emanuele e Daniel Kwakwah, 21 e 27 anni: il primo ha precedenti specifici, per droga ed a sfondo sessuale.

I FATTI Secondo quanto riferito dai carabinieri di Thiene, verso le 13.40 la centrale operativa  inviava presso l'ipermercato la pattuglia della dipendente stazione di Breganze, poiché qualche minuto prima era stato commesso il furto di un capo di abbigliamento, da parte di due extracomunitari, uno dei quali, prima di darsi alla fuga, aveva usato violenza nei confronti degli addetti alla sicurezza.

I militari, una volta giunti sul posto, acquisivano le prime indicazioni circa la dinamica dei fatti e le descrizioni psico-somatiche dei due extracomunitari, dopodiché ne intraprendevano le ricerche nelle immediate vicinanze dell’ipermercato. Dopo qualche minuto notavano i due soggetti, mentre tentavano di nascondersi dietro alcuni cassoni e dei cespugli, nei pressi dell’autolavaggio/Arredo Prix, sito nella medesima via Gombe.

Non appena bloccati dai carabinieri, uno dei due, KWAKWAH Emanuele, opponeva una forte resistenza attraverso poderosi e ripetuti spintonamenti all’indirizzo dei militari, provocando ad uno di essi una torsione del polso sinistro, refertata con 6 giorni di prognosi dai medici del pronto soccorso dell’ospedale di Santorso. Condotti presso questi uffici i due extracomunitari venivano dichiarati in arresto per i suddetti reati ed associati al carcere di Vicenza, a disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza – Dr. Alessandro Severi. La maglietta, del valore di 30 euro, veniva recuperata e restituita al personale dell’ipermercato “Carrefour”.


TUTTI GLI ARTICOLI SU "RAPINE"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa con vigilantes e carabinieri per una maglietta da 30 euro: arrestati due fratelli

VicenzaToday è in caricamento