«Minorenne drogata e stuprata»: il pm chiede quarant'anni per due uomini e una donna

La pena che il pubblico ministero Carunchio ritiene congrua per i protagonisti del caso Faggion, per il quale due giovani e una 32enne sono alla sbarra, scuote la valle dell'Agno e quella del Chiampo: la sentenza di primo grado potrebbe arrivare già il 29 settembre

Uno scorcio di Trissino in valle dell'Agno (foto Marco Milioni)

Sta destando molto clamore nel comprensorio dell'Agno-Chiampo la richiesta a quarant'anni complessivi di carcere da parte del pubblico ministero berico Cristina Carunchio nei confronti della trissinese Elisa Faggion nonché degli egiziani, residenti ad Arzignano all'epoca dei fatti, Zahir Es Sadouki e Nadir El Fettach (la donna ha trentadue anni: il primo egiziano ne ha 29, il secondo 28). L'accusa è quella di avere drogato e poi violentato una minorenne vicentina di origine straniera (della vicenda ne parla diffusamente stamani, tra gli altri, Il giornale di Vicenza di oggi 16 settembre in pagina 27).

Più nel dettaglio per la giovane, che è molto nota a Trissino per essere la figlia della trissinese Silvia Dalla Benetta, una delle cantanti liriche più conosciute del Vicentino e del Veneto, sono stati chiesti quattordici anni di galera. La stessa pena è stata chiesta per Es Sadouki: dodici invece per il terzo imputato.

Stando a quanto si legge sul GdV la sentenza di primo grado del giudice Barbara Maria Trenti è attesa nell'udienza fissata il 29 settembre. Durante l'udienza di ieri l'avvocato della Faggion (si tratta di Paolo Mele junior) avrebbe chiesto per la sua assistita invece un pronunciamento di assoluzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al di là delle questioni giudiziarie però la vicenda ha riportato alla luce il tema della diffusione degli stupefacenti nel comprensorio dell'Agno-Chiampo: un comprensorio ricco nel quale marijuana e soprattutto cocaina scorrono a fiumi. Ma qual è il punto di vista al riguardo della giunta comunale trissinese? Chi scrive ha chiesto un parere all'assessore alla sicurezza Renzo Malfermo, dal quale però, almeno per il momento, non è giunto alcun commento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dove gustare il miglior gelato: le top gelaterie di Vicenza e provincia

  • Tragedia sulle Gallerie del Pasubio: giovane precipita e muore dopo un volo di 150 metri

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: ecco come si vota

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Alunna positiva al Covid-19, scatta il protocollo: classe in quarantena

  • L'appartamento brucia e si lanciano dal 2° piano: mamma e figlio in ospedale, gravissimo il padre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento