Capanonne usato come abitazione e "covo" della droga: operaio in manette

Tutto è partito da un controllo sulla strada a Piovene Rocchette, nella giornata di venerdì. Fermato dai carabinieri mentre era alla guida di un autocarro è risultat essere in possesso di alcuni grammi di hashish. La perquisizione si è poi spostata allo stabile da lui in uso

La droga sequestrata dai carabinieri

Un operaio 34enne, domiciliato a Piovene Rocchette, venerdì è stato arrestato dai carabinieri di Schio per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti 

Il 34enne, Pietro Cipolletta, già noto alle forze dell’ordine, è stato fermato per un controllo mentre era alla guida di un autocarro Mercedes. La perquisizione dell'autocarro ha portato al rinvenimento di 0,5 grammi di hashish e 0,7 grammi di anfetamine.

Considerando l’atteggiamento remissivo e schivo assunto dal 34enne durante il controllo e le false informazioni fornite sulle sue generalità (ha dichiarato di essere residente a Vicenza quando, in realtà, è stato cancellato da quell’anagrafe per irreperibilità), i carabinieri hanno deciso di approfondire i controlli in un capannone in via Cima Dodici a lui in uso e già all’attenzione dei militari da diversi giorni.

Arrivati sul posto, i carabinieri hanno potuto appurare che il capannone veniva usato come abitazione da parte del 34enne. All'interno sono stati rinvenuti altri 138 grammi di hashish. Dopo l'arresto il 34enne è stato associato nell’abitazione della madre, a Vicenza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplode ordigno bellico: un ferito grave

  • Vittorio Brumotti aggredito in Campo Marzo: preso a sassate durante le riprese

  • Trovata morta in casa, Fabiola stroncata da un'intossicazione acuta

  • Strage di Kitzbühel, tra le vittime il portiere Florian Janny: mondo dell'hockey sotto shock

  • "Ciao Antonio", il liceo Fogazzaro piange l'amato prof. Busolo Cerin

  • Malore andando a funghi: muore a 57 anni

Torna su
VicenzaToday è in caricamento