rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Dramma in Bosnia e Serbia: Vicenza si mobilita

La numersa comunità slava che risiede nel Vicentino è attonita di fronte alle immagini ed alle notizie sull'alluvione. Raccolta di aiuti presso la chiesa ortodossa di San Luca in città ed altri comuni

C'è sgomento e dolore negli occhi delle migliaia di vicentini di origine jugoslava, nel guardare le immagini che arrivano dai loro paesi sulla terribile alluvione che ha colpito negli ultimi giorni Serbia, Bosnia e l'est della Croazia. Non solo, la folta comunità, da anni integrata in tutti i comuni della provincia, si sta muovendo per mandare aiuti nelle zone devastate. 

Nella chiesa ortodossa di San Luca a Vicenza, in contrà della Misericordiasi  stanno raccogliendo donazioni. "Gli aiuti possono essere portati di persona presso la chiesa durante la giornata - ci informa una nostra lettrice - Per informazioni chiamare 3396188096-padre Milivoje oppure 3282241608, Dule, Presidente della Società".  Anche i residenti serbi di Villaverla si sono organizzati da soli e a lunedì,  verso la 14 di pomeriggio, partiranno le donazioni. "Importante sottolineare che la gente in Serbia, non ha più acqua potabile, cibo, latte per il bambini, detersivi e altro per disinfettare le case...quasi l'intero Paese è sott'acqua" ci scrive. A Costabissara è attivo un punto di raccolta presso la ditta Milikovic Vladan, in via Alessandro Volta 26/a, fino alle 18 di lunedì. Invitiamo i nostri lettori a segnalarci altre iniziative. 

Le notizie che arrivano dall'ex Jugoslavia sono agghiaccianti. I morti sono almeno una cinquantina, secondo un ultimo bilancio ancora provvisorio. Il premier serbo Aleksandar Vucic ha detto nel pomeriggio che a Obrenovac, localita' sulla Sava poco a sudovest di Belgrado, sono stati trovati 12 cadaveri. Cio' porta a venti il numero delle vittime in Serbia. In Bosnia-Erzegovina le autorita' avevano parlato stamane di almeno 30 vittime delle alluvioni, mentre alcune fonti hanno riferito di un morto anche in Croazia. Le persone evacuate sono state finora circa 25 mila in Serbia, oltre 15 mila in Bosnia-Erzegovina e 4 mila circa in Croazia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dramma in Bosnia e Serbia: Vicenza si mobilita

VicenzaToday è in caricamento