rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Cronaca

Donne vittime di violenza, partita la prima "valigia di Caterina": raccolti oltre 5mila euro

L'importante contributo andrà a fornire gli "accessori" delle prime valigie. Importo raggiunto grazie alle generose donazioni dei presenti e alla collaborazione dei primi sostenitori del progetto, il Lions Club Vicenza Palladio e l'associazione Donne Medico

Non poteva esserci una partenza migliore per il viaggio inaugurale della prima “Valigia di Caterina”, l'innovativo progetto promosso dall'assessorato alla Comunità e alle famiglie del Comune di Vicenza che mira e raccogliere risorse economiche, umane, professionali per le donne che escono dal circuito della violenza.

L'avvio è avvenuto in una intensa serata di parole e musica al teatro San Marco sabato, giorno del compleanno di Caterina Evangelisti Fronzaroli, avvocata scomparsa di recente da sempre impegnata per i diritti delle donne. L'avvio del progetto promosso dal Comune di Vicenza con l'associazione Donna chiama Donna ha visto una rete importante di partner: l'ordine degli avvocati di Vicenza e la commissione pari opportunità, i Lions club di Vicenza, Montecchio Maggiore, Valdagno e Lonigo, l'associazione Donne Medico, la Fondazione Bellisario e Migrantes.

Alla serata inaugurale hanno partecipato 500 persone permettendo di raccogliere i fondi necessari per sostenere concretamente i primi progetti di donne che escono dal circuito della violenza. I tre cori diretti dal maestro Lorella Miotello e la partecipazione del maestro Ferrari hanno emozionato e coinvolto il pubblico presente, che si è dimostrato generoso e attento alle riflessioni offerte dall'assessore Sala, da Laura Zanichelli e Maria Zatti dell'associazione donna chiama donna.

Elisa Santucci, che ha condotto la serata, ha messo in evidenza il generoso contributo da parte dei Lions aderenti e della associazione Donne Medico, che hanno consegnato al Centro Antiviolenza il loro contributo. Lucia Fazzina ha ricordato la figura di Caterina Evangelisti Fronzaroli e tutte le altre donne che si dedicano alla difesa dei diritti.

“Siamo davvero grati a tutti coloro che, a vario titolo, hanno consentito la partenza di questo viaggio che dà speranza alle donne seguite dal Centro Antiviolenza che, una volta uscite, riprendono in mano la propria vita e hanno bisogno di sostegno su diversi fronti – ha sottolineato l'assessore alla comunità e alle famiglie Isabella Sala – Ringrazio di cuore anche a nome del consigliere delegato alle pari opportunità Everardo Dal Maso Lorella Miotello con i suoi cori per la passione e l'impegno donato; invitiamo tutti a partecipare con nuove idee, finanziamenti, risorse umane e professionali per aiutarci a fare partire altre Valigie e con loro altri percorsi di autonomia e nuova vita". 

Caterina Evangelisti Fronzaroli, presidente dell'Aiaf Veneto (associazione italiana degli avvocati per la famiglia e i minori) e cui è dedicato il progetto è scomparsa nel 2015 al culmine di una vita professionale e umana dedicata alla tutela dei minori e delle donne maltrattate. Come rappresentante dell'Aiaf ha partecipato al Tavolo della rete di aiuto contro la violenza alle donne sin dal 2004 e ha concretamente contribuito alla nascita del Centro Antiviolenza nel 2012. E' scomparsa il 29 giugno del 2015.

A Vicenza sono 485 le donne accolte e accompagnate dal centro Antiviolenza in 4 anni di attività; 203 non hanno un'indipendenza economica e 254 hanno figli minori a carico. I minori seguiti a vario titolo dai servizi sociali del Comune di Vicenza sono 1450, pari all'8% della popolazione fino ai 18 anni. Di essi, più del 41% riceve prestazioni economiche o servizi specifici per il sostegno alla genitorialità, mentre il 14% riceve sostegni per la protezione e la tutela. Il resto riceve prestazioni come consulenze e sostegni educativi.
Il Centro Antiviolenza accoglie attualmente le donne del Comune di Vicenza e di tutti i 39 comuni dell'Ulss 6, oggi distretto est dell'Ulss 8.

Per informazioni e proposte in merito al progetto “La valigia di Caterina” scrivere a: progettisociali@comune.vicenza.it Per le donazioni all'associazione Donna chiama Donna Onlus: causale “sostegno alla Valigia di Caterina”, Banca del Centro Veneto, IBAN: IT33 O 085 9011802000081007320. Donna chiama Donna 0444542377, donnachiamadonna@gmail.com.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne vittime di violenza, partita la prima "valigia di Caterina": raccolti oltre 5mila euro

VicenzaToday è in caricamento