Fermato per un controllo scoprono che è latitante: arrestato 40enne

L'uomo, alla richiesta dei documenti da parte delle forze dell'ordine, ha esibito documenti italiani dicendo di aver smarrito la patente di guida albanese. È risultato che deve scontare più di un anno di carcere per truffa

Lo hanno fermato per un controllo e sono scattate le manette. Nella tarda mattinata di venerdì a Creazzo la polizia locale “Unione terre del Retrone” e i carabinieri di Valdagno, hanno individuato lungo la Provinciale 11 verso Verona, una Toyota Prius condotta da un uomo e ritenuta sospetta. 

Dopo aver fermato il veicolo sono scattati i controlli. Il conducente dell'auto, visibilmente nervoso, ha esibito documenti di riconoscimento italiani asserendo di aver smarrito la patente di guida albanese e di aver consegnato una presunta denuncia  alle autorita’ romene, poi risultata falsa. Per questo è stato portato presso il comando compagnia carabinieri di Valdagno.

In caserma, a seguito di accertamenti, anche tramite banca dati e la comparazione delle impronte, è risultato essere Ahmet Balla , nato in albania nel 1978 e residente a Varese. Il 40enne,  pregiudicato e ricercato sul territorio nazionale, doveva scontare una pena di un anno, due mesi e 13 giorni di reclusione per una sentenza di condanna per truffa aggravata finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche commessa a Varese tra il 2008 e il 2012. Il latitante è stato quindi arrestato e condotto al carcere di Vicenza, dove espierà la pena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • L'Emisfero apre i battenti alle Cattane, Cestaro: «Il nostro primo pensiero è stato ai dipendenti»

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Piogge e qualche fiocco di neve: welcome december

  • Coronavirus: cos'è il saturimetro e perchè potrebbe salvarti la vita

Torna su
VicenzaToday è in caricamento