Coronavirus, più di 800 le persone denunciate o sanzionate dall'inizio del lockdown

I dati del Ministero dell'Interno sui servizi di controllo inerente le misure urgenti per il contenimento della diffusione del virus COVID-1. Nel Vicentino altre sanzioni nella giornata di giovedì

Sono state 13809 le persone controllate dalle forze dell'ordine nel Vicentino dal 10 marzo al primo aprile 2020. Di queste, 848 sono state denunciate o sanzionate per non aver rispettato le misure per il contenimento del Coronavirus. Il dato arriva dal Ministero dell'Interno che ha fatto un primo bilancio sull'attività di controllo del territorio.

I DATI 

Come noto, fino al 25 marzo, uscire di casa senza giustificato motivo era un reato penale che poi è stato depenalizzato con una sanzione che parte da 400 euro. A rispondere penalmente, a Vicenza e provincia, saranno quindi 634 persone mentre l'ammenda è stata staccata a 214 soggetti. Sono invece 1820 le attività commerciale controllate dalle forze dell'ordine. I titolari di sette di queste sono stati sanzionati mentre solo 3 i denunciati. Nessuna chiusura è stata messa in atto.

POLIZIA DI STATO

Naturalmente proseguono i controlli sul territorio. Nella giornata di ieri gli  uomini della questura di Vicenza hanno sanzionato e denunciato 4 persone. Due, M.R. di 28 anni, con precedenti di polizia e S.F. di 49 anni, entrambi vicentini, sono stati incriminati per il reato di false dichiarazioni a pubblico ufficiale in quanto sorpresi a bordo della loro auto verso le 14:45 senza un valido motivo. Fermati, hanno giustificato la loro uscita da casa raccontando agli agenti di essere andati a fare la spesa in un supermercato lontano dalla loro abitazione perché "era più economico" e,  una volta arrivati di aver rinunciato "perché c'era troppa fila". Alla denuncia è seguita la multa per non aver rispettato le disposizioni per il contenimento del Coronavirus. 

Per lo stesso motivo è stato sanzionata Z.rR., vicentina del '64 pregiudicata, fermata verso le 13: 50 in bicicletta da una pattuglia della volante in piazzale del Mutilato. La donna prima ha raccontato che era andata a pranzare all'albergo cittadino, per poi cambiare versione  e dichiarare che invece era andata a fare la spesa. Gli agenti le hanno quindi chiesto i documenti. Lei prima a negato di averli e poi, di fronte alla prospettiva di essere portata in questura, li ha tirati fuori. Non contenta, la donna, dopo che gli agenti se n'erano andati, ha telefonato in questura dicendo che era stata fermata da due poliziotti e che questi l'avevano offesa, spinta e minacciata. Per questo è stata denunciata per calunnia. 

Denunciato in stato di libertà anche H.S., vicentino del '68, per un furto all'interno dell'autovettura. L'uomo aveva spaccato il vetro della macchina in sosta in via Albricci ed è stato individuato da una pattuglia della volante. Alla vista dei poliziotti, il 52enne è fuggito in bici, lanciando un sacchetto nel cortile di un'abitazione. Gli agenti lo hanno fermato poco dopo e recuperato la borsa in nylon che conteneva la misera refurtiva (un cavo elettrico, accendini, merendine). Il ladro con se aveva con se degli arnesi utili allo scasso. Oltre alla denuncia per lui è scattata la sanzione amministrativa per aver violato le disposizioni sul lockdown.

POLIZIA LOCALE

Sempre nella giornata di ieri, sono state due le persone sanzionate dalla polizia locale nell'ambito dell'attività di controllo sul rispetto delle disposizioni per contenere l'emergenza Coronavirus. Gli agenti hanno controllato 10 pedoni, 57 veicoli, 89 esercizi pubblici e attività commerciali. Entrambe le persone sanzionate circolavano a piedi sul territorio senza un giustificato motivo. Gli agenti hanno elevato loro una sanzione di 400 euro.

Nessuna violazione è stata, invece, riscontrata dagli agenti negli 89 esercizi pubblici e attività commerciali controllati.

CARABINIERI

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Carabinieri delle Stazioni di Altavilla Vicentina, Lonigo e Noventa Vicentina, nella giornata del 2 aprile 2020 e nella mattinata odierna, hanno sanzionato amministrativamente 8 persone, per non aver rispettato le prescrizioni previste dal Decreto Legge n. 19 del 25 marzo 2020. Come già accaduto nei giorni precedenti, le persone sanzionate venivano sorprese all’esterno delle loro abitazioni o al di fuori dei rispettivi comuni di residenza, riferendo giustificazioni in contrasto alla prescrizioni imposte, in particolare:
-    in un paese del vicentino un uomo ed una donna di 2 paesi diversi, entrambi sui 30 anni, venivano controllati mentre si trovavano a bordo di un’autovettura in sosta. La coppia di amanti  (solo la donna è sposata) si era data appuntamento perché, a loro dire, avevano desiderio di vedersi;
-    a Camisano Vicentino, un 62enne residente a Campodoro (PD) ed un 29enne di nazionalità pakistana residente a Campo San Martino (PD) non fornivano valide giustificazioni in merito alla loro presenza in paese;
-    a Noventa Vicentina un 34enne di nazionalità marocchina residente a Borgo Veneto (PD), appreso che la ex moglie 29enne residente a Noventa Vicentina stava ospitando una persona estranea al nucleo familiare, giunto davanti la sua abitazione sorprendeva la donna in compagnia della sorella e dell’ospite. Ne scaturiva, in presenza del figlio minore, una violenta discussione che proseguiva davanti la locale Stazione Carabinieri, dove nel frattempo il gruppo si era recato,  interrotto dall’intervento dei militari che contestavano oltre al divieto di essere usciti senza un giustificato motivo dal comune di residenza e dall’abitazione, anche per l’assembramento verificatosi davanti la caserma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • L'appartamento brucia e si lanciano dal 2° piano: mamma e figlio in ospedale, gravissimo il padre

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento