Cronaca strada Padana Superiore verso Padova

Condannato per rapina, beccato a Vicenza: lotta con carabiniere per fuggire

Il movimentato episodio è avvenuto giovedì alle 13.30, al centro commerciale Palladio. J.L.J., rumeno, 23 anni, è fuggito alla vista dei militari, gettandosi anche nel fiume. Poi ha ingaggiato, con tre complici, una collutazione un un tenente

il giovane è stato arrestato

E' fuggito per quattro chilometri nei campi, si è gettato nel fiume e alla fine ha lottato con un tenente, aiutato da amici e parenti, pur di non essere acciuffato. Alla fine, i carabinieri di Vicenza sono riusciti a mettere le manette a J.L.J, rumeno 23 annidomiciliato in Bologna, colpito da provvedimento di espulsione per “imperative ragioni di O.P.”, gravato da precedenti di polizia giudiziaria. 

IL CONTROLLO L'episodio è avvenuto giovedì, alle ore 13,30 all’interno del parcheggio del Centro Commerciale “Palladio” di Vicenza, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto dei reati predatori. Il giovane,  sottoposto a controllo, era  stato notato  mentre si aggirava nel parcheggio, con fare sospetto, con altri connazionali, è risultato colpito da ordine di carcerazione con contestuale sospensione emesso dalla procura della repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma, perche’ condannato per rapina pluriaggravata, lesioni personali e armi, con pena residua di 3 anni e 12 giorni.

L'INSEGUIMENTO 
Resosi conto di essere stato scoperto, con mossa repentina ingaggiava una colluttazione con il tenete. Quarta, dandosi poi alla fuga. Al termine dell’inseguimento rocambolesco, per circa 4 km da parte dell'ufficiale tra i campi circostanti, nei giardini di abitazioni private, il giovane rumeno si lanciava in un canale irriguo, celandosi alla vista degli inseguitori. Il militare ingaggiava una seconda colluttazione con il fuggitivo, riuscendo finalmente a bloccarlo e ad arrestarlo.

L'ARRESTO Nella stessa operazione venivano denunciati 
 A.J., 22enne, T.J., 27enne ed R.C.A, 28enne, tutti romeni con precedenti di p.g., per reati contro il patrimonio; I denunciati, unitamente ad altro connazionale prossimo congiunto dell’arrestato, frapponendosi tra i militari ed il prevenuto, tentavano, inizialmente, di ostacolare il controllo al fine di aiutare il connazionale a sottrarsi alla cattura.


FERITO Nel corso delle colluttazioni il tenete Quarta riportava un trauma contusivo-distorsivo alla mano e al polso destro e, visitato presso pronto soccorso del locale nosocomio, veniva giudicato guaribile in sette giorni. Venerdì il rito direttissimo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condannato per rapina, beccato a Vicenza: lotta con carabiniere per fuggire

VicenzaToday è in caricamento