A caccia con armi alterate, silenziatore e trappole: maximulta e denuncia a un bracconiere

Il blitz dei carabinieri della Forestale di Lonigo è scattato l'altro giorno a Castagnero

Il materiale sequestrato

Lunedì, durante l’attività di controllo del territorio, i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Lonigo, comandati dal maresciallo Elia Guerra, accertavano nei Colli Berici in località Chiesa Vecchia, Castegnero attività di bracconaggio in corso con mezzi non consentiti tramite l’utilizzo di richiami elettro-acustici digitali con emissione sonora per attirare avifauna selvatica da parte di un residente del posto.

Trappola

L'uomo era mimetizzato all’interno di un capanno improvvisato fatto di lamiere di metallo e, considerata la flagranza di reato, veniva svolta perquisizione locale urgente dei locali nella pronta disponibilità del trasgressore, accertando la presenza di un marchingegno di trappole per la cattura di uccelli collegate a corde, azionate dallo stesso dall’interno del capanno per intrappolare uccelli che si fossero posati attirati dalla presenza di granaglie e mangime al suolo.

Fucile e polvere da sparo

Il bracconiere era munito di fucile da caccia che al controllo è risultato alterato per la presenza di filettatura sulla parte terminale della canna per poter ospitare un silenziatore costruito artigianalmente, assolutamente vietato, che è stato poi ritrovato durante la perquisizione. Al termine si procedeva al sequestro di quanto ritrovato, sequestrando anche diverse decine di cartucce caricate artigianalmente, nonché alcune bottiglie di polvere da sparo possedute illegalmente dal trasgressore per ricaricare le cartucce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’indagato è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria, in seguito La Procura della Repubblica di Vicenza convalidava le operazioni svolte dai militari. Infine saranno notificate al trasgressore diverse sanzioni amministrative per altri illeciti accertati per un ammontare complessivo superiore ai 1500 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Eclissi: 5 giugno lo spettacolo della 'Luna delle Fragole'

  • Runner sale sulla cresta, scivola e fa un volo di un centinaio di metri: muore 37enne

  • Schianto tra moto sul Grappa: padre e figlia perdono la vita

  • Le norme per viaggiare in auto ancora in vigore: multe e numero di passeggeri

  • Si tuffa nel corso d'acqua ma non riemerge: inutili i soccorsi, muore 13enne

  • Vicenza a un passo dalla promozione (e il Carpi rosica...)

Torna su
VicenzaToday è in caricamento