CioccolandoVi dopo la polemica in Consiglio comunale, il blitz delle Fiamme gialle

Dopo le dichiarazioni infuocate tra Giunta e consiglieri, giovedì mattina i militari della Guardia di finanza ha bussato alla porta di Palazzo Trissino

Dal botta e risposta tra Maggioranza e Minoranza in Consiglio comunale all'intervento della Guardia di Finaza. Come riporta Il Giornale di Vicenza, giovedì mattina, gli uomini delle fiamme gialle si sarebbero recati uffici comunali di piazza Biade ed avrebbero aperto un fascicolo ipotizzando la violazione del Codice dei beni culturali e del paesaggio relativamente all'evento CioccolandoVi 2019. Contestato dunque l'"Uso illecito" dei monumenti e dei beni culturali.

La querelle è nata dai consiglieri comunali Ciro Asproso, Isabella Sala, Balbi Cristina, Colombara Raffaele, Dalla Rosa Otello, Marchetti Alessandro, Marobin Alessandro, Pupillo Sandro, Rolando Giovanni, Selmo Giovanni, Spiller Cristiano ed Ennio Tosetto. "Dopo l’esposto della Soprintendenza per il mancato parere alla Manifestazione “CioccolandoVI” - hanno dicharato - più che cioccolato amaro sembra sia rimasto solo quello fondente. Un po’ come questa Amministrazione, che sta anch’essa fondendo a causa di troppa inesperienza e approssimazione, e che per nascondere le sue mancanze si trincera dietro al più classico degli “scaricabarile”.

E ancora: "Non è vero che si è sempre fatto così e lo abbiamo già denunciato in precedenza, specie quest’Estate, come nel caso della Festa Biancorossa, quando la Giunta decise deliberatamente di non informare la Soprintendenza. O quando Piazza dei Signori fu concessa per un’iniziativa di raccolta fondi a favore dell’Altopiano di Asiago e delle zone martoriate dalla tempesta Vaja. In quell’occasione, il palco fu appoggiato ai gradini della Basilica e la parte sommitale sfiorava di pochi centimetri la cornice dell’architrave palladiana". 

Infine: "Nel merito, siamo ancora in attesa di una risposta alla nostra Interrogazione, poiché desideriamo capire come è stato ottenuto il via libera dal Settore Musei Civici e dalla Conservatoria dei Monumenti, ma soprattutto vogliamo sapere se vi è stata o meno l’approvazione degli Uffici decentrati dei “Beni culturali” A tal proposito, auspichiamo che la Soprintendenza vorrà farsi carico anche dei casi di grave omissione e d’inadempienza da noi segnalati. 

Dichiarazioni che avevano trovato la secca risposta dell'assessore alle Attività produttive Silvio Giovine: "Spiace constatare questo tentativo di strumentalizzazione da parte del centro sinistra rispetto ad una delle manifestazioni più attrattive ed eleganti che il nostro centro storico accoglie da 15 anni. Appare addirittura paradossale che l'attacco provenga da chi ha sostenuto la precedente amministrazione, la quale anch'essa, non ha mai ritenuto di richiedere autorizzazione alla Soprintendenza per CioccolandoVi".

"Va altresì precisato che questa amministrazione ha sempre coinvolto preventivamente la Soprintendenza in occasione di qualsiasi evento che avesse un impatto strutturale (palchi o maxischermi) sull'utilizzo delle piazze del centro storico. - ha precisato - Le stesse motivazioni che hanno portato la precedente amministrazione a non coinvolgere la Soprintendenza per questa tipologia di evento hanno determinato, quale consuetudine, l'agire degli uffici anche in questa occasione. Ricordiamo che si tratta di una mostra mercato che si svolge non in aderenza alla Basilica palladiana ma collocata centralmente nella piazza, aperta e fruibile dall'intera collettività di Vicenza e da fuori città con straordinari risultati in termini di presenza. Nessun danno è stato recato al patrimonio pubblico nell'intero arco della tre giorni della manifestazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine: "Sarà cura dell'amministrazione fornire documentazione relative agli anni precedenti da cui risulta palese la continuità dell'azione amministrativa. Chi, con queste polemiche strumentali, pensa di arrestare la dinamicità con cui stiamo rivitalizzando il nostro centro storico, ben coscienti delle regole e delle normative poste a tutela del nostro patrimonio, si sbaglia di grosso e ne risponderà ai cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Uomini e donne, vicentino protagonista del Trono over trova l’anima gemella

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Dramma della disperazione per una mamma: il figlio 15enne la salva da un gesto estremo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento