Castelgomberto, alluminio nella fognatura pubblica: nei guai un'azienda

Facevano confluire i reflui derivanti dalla fusione dell'alluminio nelle acque nere anziché smaltirli. I carabinieri forestali e l'Arpav hanno individuato e denunciato una ditta e sequestrato la condotta adibita allo scarico illegale

I carabinieri della Forestale di Valdagno con il personale ARPAV Vicenza e VIACQUA SPA hanno scoperto che una ditta di pressofusioni in alluminio di Castelgomberto sversava illecitamente dei reflui industriali derivanti dalla fusione dell’alluminio e dalla lavorazione degli stampi industriali nella pubblica fognatura.

I liquidi, anziché essere smaltiti secondo la normativa prevista per la gestione dei rifiuti, venivano fatti confluire nella condotta adibita allo scarico delle acque “nere”. I militari hanno denunciato i responsabili in flagranza di reato e sequestrato la condotta adibita allo scarico illegale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spiedo, grigliata che bontà: scopri dove mangiare le migliori del vicentino

  • Calcola il costo del bollo auto 2020: importi e cosa si rischia a non pagarlo

  • Le Sardine invadono piazza Matteotti

  • Frontale tra auto: grave un bimbo di soli due anni, feriti anche i genitori

  • Mancano un milione di laureati: ecco le professioni più richieste

  • Si allontana da casa e scompare: 51enne ritrovata dopo una notte di ricerche

Torna su
VicenzaToday è in caricamento