Castelgomberto, alluminio nella fognatura pubblica: nei guai un'azienda

Facevano confluire i reflui derivanti dalla fusione dell'alluminio nelle acque nere anziché smaltirli. I carabinieri forestali e l'Arpav hanno individuato e denunciato una ditta e sequestrato la condotta adibita allo scarico illegale

I carabinieri della Forestale di Valdagno con il personale ARPAV Vicenza e VIACQUA SPA hanno scoperto che una ditta di pressofusioni in alluminio di Castelgomberto sversava illecitamente dei reflui industriali derivanti dalla fusione dell’alluminio e dalla lavorazione degli stampi industriali nella pubblica fognatura.

I liquidi, anziché essere smaltiti secondo la normativa prevista per la gestione dei rifiuti, venivano fatti confluire nella condotta adibita allo scarico delle acque “nere”. I militari hanno denunciato i responsabili in flagranza di reato e sequestrato la condotta adibita allo scarico illegale.

Potrebbe interessarti

  • Scutigera: quante ne avete in casa? Sono da non uccidere!

  • Cerchi di rimanere incinta? Il primo passo è l'alimentazione

  • La sabbia è difficile da eliminare: ecco tutti i trucchi per liberarsene

  • Sembra banale ma lavarsi le mani è fondamentale: ecco come farlo

I più letti della settimana

  • Scutigera: quante ne avete in casa? Sono da non uccidere!

  • Aereo si schianta sugli alberi:due feriti gravi

  • Schianto auto-moto: muore 43enne, grave la fidanzata

  • Giovane tenta il suicidio dandosi fuoco nell'auto: il gesto estremo di una 26enne

  • Furia violenta alla vista della ex: auto contro l'entrata del pub

  • Meteo, da lunedì in arrivo pioggia e temporali

Torna su
VicenzaToday è in caricamento