Castelgomberto, alluminio nella fognatura pubblica: nei guai un'azienda

Facevano confluire i reflui derivanti dalla fusione dell'alluminio nelle acque nere anziché smaltirli. I carabinieri forestali e l'Arpav hanno individuato e denunciato una ditta e sequestrato la condotta adibita allo scarico illegale

I carabinieri della Forestale di Valdagno con il personale ARPAV Vicenza e VIACQUA SPA hanno scoperto che una ditta di pressofusioni in alluminio di Castelgomberto sversava illecitamente dei reflui industriali derivanti dalla fusione dell’alluminio e dalla lavorazione degli stampi industriali nella pubblica fognatura.

I liquidi, anziché essere smaltiti secondo la normativa prevista per la gestione dei rifiuti, venivano fatti confluire nella condotta adibita allo scarico delle acque “nere”. I militari hanno denunciato i responsabili in flagranza di reato e sequestrato la condotta adibita allo scarico illegale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il coronavirus

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Il cane defeca per strada, anziano raccoglie la cacca e la spalma in faccia a un ragazzino

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, massima allerta in Veneto: «Pronti a misure drastiche»

  • COVID-19, tutti negativi i tamponi nel Vicentino: 32 i contagiati in Veneto. Sesto morto in Italia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento