Cronaca

Violenta aggressione in carcere, agente ferito da un detenuto

Il poliziotto è stato colpito alle spalle e poi, una volta caduto a terra, ha preso un calcio in faccia. Si è messo in salvo solo grazie all'intervento dei suoi colleghi

Lunedì presso il carcere di Vicenza  e avvenuta un'altra aggressione verso un agente di polizia penitenziaria. A darne notizia è Leonardo Angiulli, segretario regionale dell'Unione sindacati di polizia penitenziaria del Triveneto, che ha ricostruito la dinamica dell'aggressione: 

«Questa mattina un agente di polizia penitenziaria è stato aggredito violentemente da parte di un detenuto di origini italiane sottoposto a regime di alta sicurezza - spiega il sindacalista - l'aggressione sarebbe scattata per futili motivi. Il collega, dopo aver provveduto a far uscire il detenuto dalla propria cella, è stato colpito improvvisamente alle spalle e, una volta caduto a terra, ha ricevuto un calcio in faccia. Solo grazie al tempestivo intervento degli altri colleghi accorsi è riuscito a mettersi in salvo e la situazione non è degenerata». 

Quella delel aggressioni in danno al personale in servizio nei penitenziari costituisce una delle problematiche più difficili del sistema carcerario italiano, ed è in costante aumento.«È ora che la classe politica e i vertici istituzionali prendano piena contezza della grave situazione, non si può più continuare in questa situazione», commenta Angiulli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenta aggressione in carcere, agente ferito da un detenuto

VicenzaToday è in caricamento