rotate-mobile
Cronaca

Botti, cassonetti dati alle fiamme e ubriachi al pronto soccorso: il bilancio di San Silvestro

Numerosi gli interventi del Suem e dei vigili del fuoco, tra soccorsi per il troppo alcol e atti vandalici in città e provincia

Nonostante i divieti, allo scoccare della mezzanotte i botti di Capodanno si sono fatti sentire in tutta la città. Molti mortaretti sono stati sparati nel giardino del casa, altri nella pubblica via in barba all'ordinanza del Comune di Vicenza. Nella notte di San Silvestro, un San Silvestro anche quest'anno segnato dalla limitazioni per l'emergenza Covid, gli operatori del Suem e i vigili del fuoco sono stati impegnati in soccorsi dovuti all'eccesso di alcol e in uscite a causa di vandalismi. 

Sono state in tutto 13 le uscite dei pompieri nella nottata di Capodanno, 6 delle quali dovute specificatamente all'incendio di cassonetti. I vandali hanno dato alle fiamme i contenitori dei rifiuti ad Asiago, a Lugo e Vicenza città in via Rossini, Parini, Leoncavallo e Borella. Al pronto soccorso di Vicenza, poi, sono arrivate numerose chiamate nel corso della notte e fino all'alba. Molte le richieste di aiuto per soccorsi a persone che hanno alzato un po' troppo il gomito e hanno avuto bisogno di assistenza medica. 

Tra gli interventi del Suem, da segnalare il soccorso di un 25enne che ha seriamente lesionato la mano destra a causa dello scoppio di un petardo. L'episodio è avvenuto a Bassano del Grappa verso le 1. A mezzanotte, invece, un incidente in autostrada, tra i caselli di Grisignano e Padova Ovest, ha coinvolto 2 vetture. Il bilancio è stato di 4 feriti soccorsi dai sanitari, 3 in codice giallo e uno in codice verde. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botti, cassonetti dati alle fiamme e ubriachi al pronto soccorso: il bilancio di San Silvestro

VicenzaToday è in caricamento