rotate-mobile
Cronaca Caldogno

Caldogno, stuprò una minorenne: dai domiciliari finisce in carcere

Nel novembre scorso aveva commesso violenza sessuale nei confronti di una 17enne di origini nigeriane

Troppo leggera la misura cautelare degli arresti domiciliari e così, dopo il ricorso presentato dal pubblico ministero Golin, B.D., nato in Francia nel '81 ma di origine serba, è stato trasferito in carcere. L'uomo, in concorso con un altro individuo, si era reso protagonista lo scorso 20 novembre di violenza sessuale ai danni di una minorenne nigeriana. 

Il soggetto, residente a Caldogno, coniugato di professione macellaio, è stato raggiunto mercoledì dai carabinieri di Dueville che hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare in carcere a Vicenza. 

Anche per il G.I.P. gli arresti domiciliarei rappresentavano una misura cautelare troppo lieve per  l'uomo, ritenuto responsabile di rapina e lesioni personali aggravate ai danni della giovane nigeriana.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldogno, stuprò una minorenne: dai domiciliari finisce in carcere

VicenzaToday è in caricamento