menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sommozzatori dei vigili del fuoco (foto di archivio)

Sommozzatori dei vigili del fuoco (foto di archivio)

Scomparso da un giorno, 48enne ritrovato morto annegato

Il corpo di Bruno Bonorva, rimasto impigliato tra due rami nel torrente, è stato recuperato dai vigili del fuoco domenica mattina

È stato recuperato dai sommozzatori dei vigili del fuoco nelle acque dell'Astrico il corpo senza vita di Bruno Bonorva. Il 48enne, residente a Povolaro di Dueville, non aveva più dato tracce di sé da sabato mattina: era uscito di casa alle 10 del mattino e a sera il fratello, preoccupato dall'assenza, aveva avvisato i carabinieri di Dueville. Una volta scattato l'allarme, pompieri e vigili del fuoco hanno iniziato le ricerche dell'uomo fino al tragico ritrovamento poco dopo le 9 di domenica. 

Il cadavere di Bonorva era incastrato tra i rami delle piante in mezzo a circa mezzo chilometro a valle dal ponte di Lupia di Sandrigo. Dopo una notte di ricerche, il corpo, quasi completamente immerso (spuntava solo un braccio e la parte superiore) è stato avvistato dai vigili del fuoco. Secondo le prime ipotesi le cause del decesso sarebbero di natura accidentale.

Il medico legale ha confermato la morte per annegamento e ora sarà la procura a decidere per un'eventuale autopsia. I carabinieri stanno indagando per ricostruire la dinamica di quello che sembrebbe un tragico incidente, forse un malore che ha colto l'uomo mentre camminava lungo le rive dell'Astico. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La montagna frana: addio alla guglia Corno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento