rotate-mobile
Cronaca Sarcedo

Inaugurato ponte Pedemontana, Zaia: "Superstrada fondamentale"

Il governatore regionale Luca Zaia era a Sarcedo, Vicenza, per il taglio del nastro dell'infrastruttura in acciaio, sul fiume Astico. "Chi vuole protestare faccia pure, noi andiamo avanti con i lavori"

Varato giovedì 12 il nuovo ponte in acciaio, del peso di 1.481 tonnellate, della costruenda Superstrada Pedemontana Veneta sul fiume Astico, nel territorio del Sarcedo (Vicenza), ai confini con Breganze. A tagliare il nastro il presidente del Veneto Luca Zaia e il Commissario regionale per le infrastrutture Silvano Vernizzi. ?PEDEMONTANA: INTERROGAZIONI e PROTESTE

GRANDE OPERA "E' un momento importante - ha spiegato Zaia - perchè la Pedemontana Veneta è in assoluto una delle più grandi opere mai realizzate nella nostra regione, che coinvolgerà 36 comuni delle province di Vicenza e Treviso, che una volta realizzata questa arteria usciranno dall'isolamento, penso al Bassanese, all'Alto Vicentino e a parte del Trevigiano". "Si tratta - ha ricordato - di 94,5 chilometri di superstrada che consentiranno di percorrere in circa 45' un percorso, per il quale adesso, attraverso la strada ordinaria, necessita di quasi due ore".

OLTRE 2 MILIARDI Secondo
Zaia, i tempi di conclusione dell'opera previsti nel 2017 saranno rispettati, "anzi mi auguro che si farà prima e si possa anticipare la conclusione dell'opera al 2016. Abbiamo già tutto il piano finanziario definitivo, che sono 2 miliardi e 130 milioni. Vogliamo accelerare i tempi e guadagnare mesi importanti".

ECONOMIA E SICUREZZA Il governatore ha poi posto l'attenzione sul fatto che la costruzione dell'opera
contribuirà alla ripresa dell'economia locale. "Solo per questo cantiere - ha precisato Zaia - ci sono 300 lavoratori, di cui 120 dell'azienda appaltatrice e 180 veneti delle aziende subappaltatrici della nostra terra. Il merito va all'impresa che ha accettato il mio invito pubblico di assegnare l'incarico a veneti ed ad imprese venete". "Non c'è dubbio che sotto il profilo industriale e imprenditoriale - ha proseguito Zaia -, non c'è dubbio che una volta completata la superstrada, la competitività di queste zone è destinata ad aumentare. Ma va anche detto che oltre a una più veloce percorrenza, si guadagna sulla sicurezza stradale, con meno incidenti e meno morti sulle strade".


LE PROTESTE Ha poi posto l'attenzione sulle polemiche e sulla presenza di comitati contrari alla Pedemontana e ad altre opere. "Noi dobbiamo tutelare gli interessi della collettività - ha precisato Zaia - qui la comunità veneta si è espressa in maniera univoca a favore di questa arteria e noi la realizziamo. Poi rispettiamo le idee di tutti e ci confrontiamo sino in fondo: quest'opera ha avuto una mitigazione che è unica, basti pensare che l'80% del nastro d'asfalto correrà in trincea, sotto il piano campagna ed originariamente non era così". "Poi una volta deciso si deve fare - ha concluso - e se qualcuno vuole continuare ad oltranza con i comitati è libero di farlo, siamo in democrazia. Ma noi la strada la facciamo''.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato ponte Pedemontana, Zaia: "Superstrada fondamentale"

VicenzaToday è in caricamento