Bracconieri senza scrupoli: armi illegali, minacce e danni alla popolazione

Chiusa un'operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Udine che ha visto bloccare un'attività fertile nella zona dell'Alto Friuli. I protagonisti della vicenda avevano a disposizione un vero e proprio arsenale

Arresti domiciliari per il 54enne di Pontebba A.B. e obbligo di dimora per il 60enne vicentino D.B., residente a Mogliano Veneto (Treviso) e una perquisizione domiciliare per due persone - padre e figlio - residenti sempre nel centro della Val Canale.

Sono i primi risultati di un'indagine avviata nel 2013 sotto la direzione della Procura della Repubblica di Udine nei confronti di attività di caccia illegale nell'Alto Friuli. Le ipotesi di reato prese in considerazione sono quelle di bracconaggio e detenzione illegale di armi.

Gli inquirenti hanno trovato un vero e proprio arsenale tra fucili, coltelli da caccia e silenziatori, una banda chiodata, visori notturni, foto-trappole, cellulari e walkie talkie e pietre di sale per attrarre le bestie.

Secondo le risultanze investigative i soggetti protagonisti della vicenda - originata da una serie di minacce, furti e danneggiamenti nella zona (tutti episodi denunciati dalle vittime) - agivano in maniera spregiudicata, avvealendosi oltre che di armi illegali e clandestine anche di atteggiamenti intimidatori nei confronti della popolazione perché non venissero segnalati i loro traffici.

E' stato calcolato che nel periodo preso in esame siano stati abbattuti illegalmente - nel corso di un triennio - 200 ungulati tra caprioli, cervi e camosci, con un pesante impatto sulla fauna regionale, vanificando così l'impegno delle riserve di Venzone, Moggio e Pontebba, che con la Regione gestiscono il patrimonio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al caso ha lavorato il personale della Polizia di frontiera di Tarvisio, diretto dal commissario capo Giovanni Marruzzo, assieme a quello della Squadra mobile della Questura, con il supporto del Nucleo operativo per l'attività di vigilanza ambientale e del Corpo forestale regionale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 1 giugno l'obbligo di mascherina all'aperto non c'è più

  • Riapertura di asilo, materne, centri estivi e le novità per la scuola a settembre

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

  • Operaio schiacciato da lastra metallica, inutile la corsa al pronto soccorso: muore 22enne

  • Operazione "gomme da arresto": 5 indagati per frode, sequestrati beni per 11 milioni

  • Coronavirus, stop mascherine all'aperto: nuova ordinanza di Zaia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento