menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Botte alla compagna: 35enne arrestato

I militari sono intervenuti dopo la segnalazione della donna che ha segnalato ripetuti episodi di violenza da parte dell'uomo, mai denunciati per paura di ritorsioni

Domenica sera a Bassano, verso le 21.30 una 45enne italiana ha chiesto aiuto al 112 perché il compagno convivente, un 35enne magrebino, l’aveva picchiata. Nell’arco di pochi minuti, una gazzella della sezione Radiomobile dei carabinieri ha raggiunto l’indirizzo indicato.  Dalla palazzina, visibilmente agitato, stava  uscendo l'uomo indicato dalla donna, il quale è stato fermato dai militari intervenuti senza opporre resistenza.

La donna, rimasta a casa, era molto scossa e provata tanto che ha impiegato un po' a convincersi che fuori alla porta della sua abitazione c’erano solo i carabinieri e che quindi, poteva aprire. Subito i militari hanno visto i segni sul viso e l’appartamento in disordine. La vittima ha raccontato che non era il primo episodio di violenza che subiva, che in passato si era recata più volte al pronto soccorso ma che non aveva mai avuto il coraggio di denunciare il compagno, perché intimorita dalle sue minacce di ritorsione e di ulteriori violenze sia fisiche che psicologiche.

Questa volta però, non è riuscita a sopportare l’ennesima aggressione fisica. Tra l’altro, in questa occasione, l’anziana madre di lei, tentava di frapporsi tra i due ma veniva insultata e spintonata e solo per un caso fortuito, non si è fatta male. Entrambe impaurite, dichiaravano di temere per la loro vita anche perché l’uomo, una volta spinto fuori dell’appartamento, aveva tentato di sfondare la porta con calci e pugni e solo vedendo i carabinieri arrivare, desisteva dall’intento. Successivamente, i militari hanno sentito le dichiarazioni dello stesso, il quale dichiarava che le donne esageravano, che non era stato affatto aggressivo, cercando appunto di riportare i fatti nell’ambito di una banale discussione familiare. 

Ricostruiti i fatti, la denunciante è stata accompagnata in ospedale dove veniva refertata con 5 giorni di prognosi mentre l’uomo, sentito il P.M. di turno, Dssa Alessandra BLOCK, della Procura di Vicenza, è stato dichiarato in stato di arresto per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali e condotti presso la sua residenza in regime di detenzione domiciliare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Buoni fruttiferi riscossi parzialmente, un timbro errato le costa 79mila euro

Attualità

Coronavirus, curva ancora in diminuzione in Veneto: i report di sabato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento