rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Controlli nelle zone "calde", altro spiegamento delle forze dell'ordine: blitz al campo nomadi

Nella mattinata di giovedì sono state verificate 91 persone e 60 autovetture in città. Quaranta gli uomini impiegati

Altro capitolo del nuovo corso di stretta sui controlli delle "zone calde" di Vicenza voluto dal nuovo questore Paolo Sartori. Anche nella mattinata di giovedì, dopo il blitz dei giorni scorsi, c'è stato uno spiegamento di forze dell'ordine al fine di prevenire lo spaccio di sostanze stupefacenti, i reati contro il patrimonio  e tutte le altre forme di micro-criminalità.

Le attività operative  – effettuate con l’impiego di circa 40 uomini appartenenti alla Questura di Vicenza, al Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, al Comando Provinciale della Guardia di Finanza, alla Polizia Locale di Vicenza ed al Reparto Prevenzione del Crimine della Polizia di Stato – si sono concentrate prevalentemente nella zona di viale Diaz e la zona del Mercato Nuovo di Vicenza, oltre che nel campo nomadi di viale Cricoli. In quest'ultimo luogo testimoni hanno visto anche i reparti della Polizia Scientifica entrare con le tute bianche. 

Allo stato attuale non si conoscono nei dettagli i risultati dell'operazione o il motivo della presenza della Scientifica nel campo nomadi. La questura ha solo comunicato che, al termine delle operazioni di polizia e a seguito delle verifiche e degli accertamenti investigativi effettuati, sono emerse alcune posizioni relative a determinati soggetti che sono tuttora al vaglio degli uffici di viale Mazzini al fine della applicazione di misure di prevenzione personali previste dal codice delle leggi Antimafia.

Speciale attenzione è stata riservata ad alcune segnalazioni inviate in Questura nei giorni scorsi che segnalavano situazioni di potenziale spaccio al dettaglio di stupefacenti, presenza di immigrati irregolari e contesti di criminalità diffusa (specie furti). Mirati posti di controllo sono stati attuati anche all’uscita dei caselli autostradali di Vicenza Est e Vicenza Ovest ed all’ingresso della città in viale Verona. Complessivamente – anche durante l’effettuazione dei 5 Posti di Controllo predisposti lungo le arterie che conducono in Città – sono stati controllate 91 persone (di cui 37 con precedenti penali e/o di Polizia, 6 stranieri risultati in regola con il soggiorno) e 60 autoveicoli.

“Ringrazio quindi il questore Paolo Sartori, per la prontezza ed efficacia con cui sta rispondendo alla nostra richiesta di controllo del territorio - ha commentato il sindaco Francesco Rucco - il prefetto Pietro Signoriello e tutte le forze dell’ordine coinvolte, con un sentito plauso per la sinergia con cui si stanno portando avanti queste operazioni. Come polizia locale, coinvolta anche oggi con un ruolo di supporto, ci impegniamo a effettuare ulteriore controlli anche in ossequio al regolamento comunale per la gestione delle aree di sosta di viale Cricoli e viale Diaz”. 


 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli nelle zone "calde", altro spiegamento delle forze dell'ordine: blitz al campo nomadi

VicenzaToday è in caricamento