Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca Asiago

Bed & Breakfast abusivo sull'Altopiano: maxi multa al gestore

La guardia di finanza ha scoperto l'illecito anche attraverso le recensioni sui social: chi gestiva l'attività aveva in locazione l'immobile e operava senza che il proprietario ne fosse a conoscenza

I finanzieri berici hanno individuato un bed & breakfast abusivo nel Comune di Asiago, irrogando conseguentemente sanzioni amministrative al gestore.

Nel periodo estivo la guardia di finanza di Asiago, nel corso di controlli fiscali nei confronti di proprietari di seconde case destinate alle locazioni brevi di tipo turistiche, si è concentrata sull’incrocio dei dati contenuti nelle banche dati con quelli presenti sui siti internet specializzati, oltre che sui social network dove spesso si annidano offerte di ricezione turistica. Le attività di controllo condotte hanno consentito di individuare un immobile destinato a bed & breakfast, nonché i relativi prezzi praticati, le recensioni e i feedback ricevuti dai clienti, a testimonianza dell’esercizio di una più che verosimile attività turistica “abusiva”. Elementi, questi, che sono stati integrati attraverso un’azione di osservazione e verifica “sul campo”. 

I finanzieri, oltre a riscontrare la mancata «segnalazione certificata di inizio attività», obbligatoria per l’attività ricettiva nello specifico settore, hanno accertato che il locatario dell’immobile, all’insaputa del proprietario, nonostante il divieto di sublocazione previsto dal contratto stipulato tra le parti, stava esercitando abusivamente l’attività ricettiva di accoglienza.

Il gestore del bed & breakfast è stato sanzionato con una sanzione che va da un minimo di 3.000 a un massimo di 6.000 euro, per aver violato le disposizioni previste dalla legge Regionale in materia di sviluppo e sostenibilità del turismo e per non aver versato la tassa di soggiorno nelle casse del Comune di Asiago.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bed & Breakfast abusivo sull'Altopiano: maxi multa al gestore

VicenzaToday è in caricamento