rotate-mobile
Cronaca

Bar abusivo, il gestore non ottempera all’ordine di chiusura: scatta la diffida

Sigilli al locale ed intervento della forza pubblica se la situazione non sarà regolarizzata entro tre giorni

Chiusura coatta del locale con l’apposizione dei sigilli ed intervento della forza pubblica se il gestore del bar non adempirà, entro tre giorni dalla notifica della diffida, all’ordine di cessare l'attività di somministrazione di alimenti e bevande al pubblico.

È l’ulteriore provvedimento scattato ieri, martedì 26 luglio, grazie ad un’operazione congiunta della Polizia di Stato - Questura di Vicenza e dell'ufficio comunale Suap, a carico del gestore abusivo del locale di viale Ferrarin (U.A. 57 anni) sanzionato nei giorni scorsi con 5 mila euro di multa e con il divieto di proseguire nell’attività in quanto privo delle autorizzazioni comunali.

A seguito di un controllo avvenuto il 22 luglio scorso, gli agenti della sezione Volanti della Questura di Vicenza hanno accertato che il locale era ancora aperto, nonostante l’ordine di cessazione dell’attività notificato il giorno prima per mancanza delle prescritte autorizzazioni. All’interno del bar erano presenti cinque avventori che stavano consumando bevande e il registratore di cassa era in funzione.

È scattata, quindi, una diffida firmata dal direttore del servizio Suap - edilizia privata, turismo e manifestazioni del Comune: se il 57enne non terrà chiuso il locale e non regolarizzerà la situazione, sarà disposta la chiusura del locale con i sigilli e l’intervento della forza pubblica.

“Il Comune continua a tenere monitorata la situazione – ha spiegato l’assessore alle attività produttive Silvio Giovine –: i controlli sul territorio sono costanti e la reazione alla situazione irregolare è stata estremamente tempestiva, come dimostrano gli interventi e i provvedimenti fatti in pochi giorni dagli uffici in sinergia con la Questura”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bar abusivo, il gestore non ottempera all’ordine di chiusura: scatta la diffida

VicenzaToday è in caricamento