menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Atti sessuali su minore, dopo la condanna fa perdere le sue tracce: l'arresto dopo tre anni

I carabinieri sono arrivati all'uomo studiando i movimenti di amici e parenti

I carabinieri di Marostica lo ricercavano da tre anni e, nella giornata di venerdì sono riusciti ad arrestarlo. Finisce in carcere il 53enne, destinatario di un ordine di esecuzione pena in carcere di un anno e sei mesi per aver commesso atti sessuali con una minore.

La condanna segue una vicenda nata nel 2005, quando una bambina aveva confidato ai suoi insegnanti di essere stata accarezzata dal compagno della madre. La bambina, accompagnata dalla madre si presentarono in caserma. In un secondo momento venne sentito anche l’allora compagno della mamma che negò le accuse della bambina.

Le indagini consentirono di stabilire in un’aula giudiziaria, con certezza, che la bambina, rimasta sola l'uomo, fu toccata, contro la sua volontà, nelle parti intime. Il Tribunale, condannò l’uomo il quale ricorse ai vari gradi di giudizio, fino a quando, nel gennaio 2017, la Suprema Corte di Cassazione, rigettò il ricorso e resedefinitiva la condanna. Da allora, l’uomo, per nulla d’accordo con la sentenza, si era sottratto alla sua esecuzione e per più di 3 anni, si rese irreperibile.

I carabinieri sono arrivati alla sua cattura studiando i movimenti di amici e parenti. Sorpreso all’interno dell’auto ha riferito ai carabinieri che li stava aspettando e di essersi così tolto un peso per essere stato catturato, perché stanco della latitanza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, i piani per un nuovo lockdown nazionale

social

Tutti pazzi per il Poke, il piatto più amato dai vicentini

Attualità

Nuovo Dpcm nel week end e il rischio lockdown

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento