Attacco informatico in azienda, l'azienda trevigiana: «Nulla a che fare con l'ex dipendente»

Un tecnico vicentino è stato denunciato con l'accusa di aver cancellato tutti i dati di una software house berica. L'uomo aveva in passato lavorato per una ditta della provincia di Treviso addetta alla manutenzione dei server e che precisa: «Il rapporto di lavoro si era interrotto oltre sei mesi prima della denuncia»

Il caso ha richiesto alcuni mesi di indagine prima di essere risolto. La denuncia, finita alla fine di maggio sui tavoli della questura berica, rigurdava la vicenda di un 45enne che è entrato nel sistema informatico di una software house vicentina cancellando tutti i dati contenuti nei loro server. 

Alla fine il tecnico informatico, denunciato la scorsa settimana per "accesso abusivo di sistema informatico", ha ammesso di essere entrato nei server aziendali. L'uomo aveva in passato lavorato per un'azienda di Casier in provincia di Treviso, incaricata della manutenzione dei server della software house vicentina

«Il rapporto di lavoro tra noi e l'ex dipendente si era interrotto oltre 6 mesi prima che venisse compiuto il presunto reato e ormai da mesi, la nostra società nulla aveva a che fare con il suo ex dipendente»

sottolinea l'azienda trevigiana che precisa:

«Il rapporto di lavoro tra la nostra ditta e il suo ex dipendente non si è risolto “di comune accordo" e il predetto non era in possesso di alcune password d'accesso». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

  • Piogge e qualche fiocco di neve: welcome december

  • Guida Michelin 2021: gli otto ristoranti stellati nel vicentino

Torna su
VicenzaToday è in caricamento