Maltempo, Asiago in ginocchio: 24 ore di black out e boschi devastati

Altopiano senza corrente elettrica con un'emergenza grave per i cittadini. I vortici d'acqua hanno colpito duramente una parte dei sette comuni, lasciando senza luce la popolazione. Gravi danni anche ai boschi, letteralmente devastati

Il bosco di Camporovere distrutto

L'isolamento dell'Altopiano, un isolamento che dopo le bombe d'acqua cadute sull'Altopiano nella giornata di martedì ha messo letteralmente in ginocchio sopratutto Asiago. Una notte passata al buio pesto, con la mancanza totale di corrente elettrica in tutto il paese. Un black out iniziato alle 17 di lunedì e che continua a durare. Sono ormai quasi 24 ore di mancanza di acqua calda, di corrente per i frigoriferi e per gli elettrodomestici e di riscaldamento elettrico che non funziona.

I telefonini vengono ricaricati solo da chi ha riserve di energia nei caricabatterie portatile ma, dalle testimonianze che arrivano, sono solo pochi i gestori telefonici che assicurano la linea. Nei frigoriferi le scorte di cibo iniziano ad andare a male. Alcuni supermercati si sono già attrezzati con gruppi elettrogeni portatili mentre l'ospedale ha da subito attivato i generatori. Non si conosce invece la situazione di altre strutture sensibili come le case di riposo. 

Nella giornata di lunedì la pioggia a catinelle e il forte vento ha formato dei vortici a un metro da terra che hanno colpito molti boschi dell'Altopiano. Praticamente raso al suolo il bosco di Camporovere ma molti altri hanno subito pesanti danni, come il bosco in località Maddarello, a nord di Asiago. Tutte le strade principali dell'Altopiano - a quanto sembra ora quasi tutte liberate - sono state interessate da cadute di alberi.

Una vera e propria desolazione sulla quale al momento è difficile fare una valutazione e calcolare i metri cubi di legna persa e i danni relativi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

  • Piogge e qualche fiocco di neve: welcome december

Torna su
VicenzaToday è in caricamento