rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Cronaca Arzignano

Arzignano, stroncato giro di documenti falsi per bengalesi

L'attività investigativa dei carabinieri originata da un atto di matrimonio con autenticazione sospetta dell'ambasciata italiana in Bangladesh

Fermato un grosso giro di timbri e firme false ad opera di bengalesi diventati cittadini italiani. La falsificazione di documenti serviva ad ottenere il ricongiungimento con i famigliari. Dalla collaborazione con il Comune di Arzignano i carabinieri della città del Grifo hanno avviato nei mesi scorsi un'indagine conclusasi venerdì con l'identificazione dei due responsabili dell'attività illecita

Trattasi di P.M.M.H., classe 1976, e P.J., classe 1988, entrambi residenti a Montecchio Maggiore, regolari e incensurati. Ai connazionali chiedevano 300 euro a pratica.

Tutto è iniziato con un'autenticazione dubbia di un atto di matrimonio da parte dell'ambasciata italiana a Dhaka, in Bangladesh. Da un controllo è emerso che era tutto falso, dalle dichiarazioni alle firme dei funzionari passando per i timbri. 

Da lì i carabinieri, con l'aiuto dell'ufficio demografico di Arzignano, hanno cercato e trovato altre autenticazioni simili, tutte comprese tra il 2015 e il 2017. Lo stesso succedeva nei comuni di Montorso e Montecchio Maggiore.

Inviati i documenti a Dhaka, all'ambasciata non restava altro che confermare la falsità delle carte. 

La polizia giudiziaria ha quindi trovato nelle abitazioni dei due indagati ben venti documenti falsi in via di produzione e 13.150 euro in contanti

Adesso l'indagine sarà estesa a tutto il territorio nazionale perchè appare molto probabile che atti falsi siano stati depositati dai due indagati anche in altri comuni italiani. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arzignano, stroncato giro di documenti falsi per bengalesi

VicenzaToday è in caricamento