rotate-mobile
Cronaca Arzignano

Arzignano, i vigili bruciano la droga

La polizia municipale ha bruciato nell'inceneritore di Schio la marijuana sequestrata nel 2015. Un'operazione che si ripete 3-4 volte l'anno

La polizia municipale di Arzignano è impegnata da sempre in diverse attività, è spiegato in una nota del Comune di Arzignano. E’ opinione comune che i vigili impegnino gran parte del loro tempo nell’accertamento delle violazioni del codice della strada, ma così non è. Nell’ambito del servizio di pattugliamento del territorio e attività di polizia giudiziaria vengono talvolta intercettati soggetti legati al mondo degli stupefacenti e ne conseguono denunce, segnalazioni alla prefettura e talvolta, sequestri di stupefacenti. In pochi conoscono il destino dello stupefacente sequestrato.

Nell’ormai lontano mese di ottobre del 2015, gli agenti di polizia municipali arzignanesi, durante un controllo stradale, hanno intercettato un 19enne residente a Valdagno, N.F., che manifestava uno stato di agitazione (nervosismo e sudorazione). Fu trovato in possesso di circa 12 grammi di marijuana, che aveva occultato nel giubbetto. La sostanza venne posta sotto sequestro amministrativo (DPR 309/90) e la persona deferita alla prefettura, poiché la quantità della sostanza è riferibile ad uso personale.

Alla fine del procedimento la prefettura ha disposto la distruzione della sostanze stupefacente mediante incenerimento. L’operazione è stata eseguita martedì 6 febbraio 2017. Personale del comando di Arzignano si è recato all’inceneritore in via Lago di Pusiano 4 a Schio dove la sostanza è stata bruciata. Un’operazione che viene ripetuta circa 3 / 4 volte all'anno dalla polizia municipale di Arzignano, in base ai vari sequestri posti in essere. Si procede in tal senso, e sempre comunque su disposizione prefettura e/o procura. Nel caso si tratti di sanzioni penali, dipende da cosa decide il giudice in sentenza, per cui lo smaltimento deve essere vincolato al modo indicato dal giudice.

Nel corso del 2016 sono stati accertati tre reati di natura penale relativi allo stupefacente. “L’operazione di sequestro ed incenerimento dello stupefacente, anche di modiche quantità – precisa il sindaco di Arzignano, Giorgio Gentilin - indica che l’attività dei vigili di Arzignano è più eterogenea di quanto si creda. La loro attività è rivolta, come era nei nostri programmi, alla prevenzione e anche alla repressione. E’ ormai chiaro a tutti gli arzignanesi che i nostri vigili non sono dei semplici ‘multatori’ e i dati statistici degli ultimi anni lo confermano. Il nostro obiettivo non è fare cassa ma orientare l’attività della polizia municipale alla tutela della sicurezza dei cittadini. Un’attività svolta egregiamente dal comando in sintonia con le forze dell’ordine”

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arzignano, i vigili bruciano la droga

VicenzaToday è in caricamento