rotate-mobile
Lunedì, 5 Dicembre 2022
Cronaca Bassano del Grappa

Fucili, mitra, chiodi a 4 punte ed esplosivo: arrestato insospettabile

L'operazione dei carabinieri di Vicenza, coordinata dalla procura berica, era partita lo scorso settembre, con controlli e pedinamenti nei confronti di un'auto di grossa cilindrata, sospetta. In manette anche un ex mala del Brenta

Un vero e proprio arsenale di armi, tra mitra, fucili anche a pompa, pistole ed esplosivo è stato trovato dai carabinieri di Vicenza in un blitz a Fiesso d'Artico, nel Veneziano, nella casa di un insospettabile che è stato arrestato assieme ad un ex della mala del Brenta.

Aggiornamento ore 13.00: Gli inquirenti stanno ora cercando di capire quale fosse lo scopo dell'impressionante quantitativo di armi trovate nella casa del Veneziano. Non c'è dubbio, visto il rinvenimento e sequestro anche di chiodi a 4 punte, un ariete artigianale e un giubbotto antiproiettile, che fossero in programma rapine a mano armata ma con chi e quando è ancora da scoprire.

E' questo il risultato di un'indagine, coordinata dalla Procura berica, iniziata lo scorso settembre dopo varie segnalazioni su un'auto di grossa cilindrata, di color grigio, che era stata vista più volte aggirarsi nei pressi di banche e ville dell'area di Bassano del Grappa (Vicenza) e comuni limitrofi. I carabinieri hanno svolto un monitoraggio tra i sistemi di videosorveglianza, 'tutor', autovelox, analizzando milioni di filmati riuscendo ad individuare l'auto, una Audi A6 Avant risultata rubata nel parcheggio dell'aeroporto di Venezia, il cui proprietario e' ancora all'oscuro perché in viaggio di nozze all'estero.


L'Arma ha così intercettato l'auto seguendola fino alla casa di un insospettabile, che la nascondeva nel suo garage. Raccolti una serie di elementi, i carabinieri hanno deciso di fare un blitz nella casa trovandosi di fronte all'arsenale di armi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fucili, mitra, chiodi a 4 punte ed esplosivo: arrestato insospettabile

VicenzaToday è in caricamento