rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca

Amministratrice di sostegno torna in carcere: aveva spillato migliaia di euro ai suoi assistiti

Nei guai una 59enne vicentina gravata da numerosi precedenti. Nel marzo scorso si era anche giocata la carta del ricovero per assunzione di psicofarmaci per evitare la reclusione

Una 59enne vicentina, le cui iniziali sono B.R., titolare di uno studio di Mediazione Familiare con sede in città, ed amministratrice di sostegno presso numerosi Tribunali italiani, che in passato aveva anche collaborato con il Comune di Vicenza, è stata arrestata dagli agenti della Divisione anticrimine della questura di Vicenza.

La donna, era sottoposta alla misura alternativa dell’affidamento in prova ai Servizi sociali per una precedente condanna. Questo fino al 18 marzo scorso quando, si era recata al Pronto Soccorso di Vicenza dove veniva ricoverata nel reparto di Psichiatria a causa dell’ingerimento di farmaci.

Una volta dimessa dall'ospedale gli agenti della Divisione Anticrimine della Questura hanno accompagnato la donna nella Casa Circondariale di Verona Montorio dove dovrà scontare una pena di 7 anni, 3 mesi e 18 giorni di reclusione afronte di un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti emesso dal Tribunale di Perugia.

Nel 2017, la donna era stata condannata a Trieste per il reato di peculato a danno di 2 amministrati: tra il 2013 e il 2016, infatti, si era appropriata indebitamente di circa 90mila euro lasciando in gravi difficoltà economiche i due anziani di cui era amministratore di sostegno. Non solo, in precedenza aveva subito condanne per appropriazione indebita commesse nel 2014 a Trento, e per falso ideologico in atto pubblico commesso nel 2017 a Venezia, nonché per evasione dagli arresti domiciliari; nel 2015, in qualità di amministratrice di sostegno di un’anziana residente nel Comune di Castelnuovo Magra (La Spezia), si era impossessata della somma di 2.000 euro, e nel 2019, sempre in qualità di amministratrice di sostegno, aveva dato in affitto l’abitazione della sua amministrata mentre questa era ricoverata presso una RSA di Rovigo, intascando personalmente i proventi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministratrice di sostegno torna in carcere: aveva spillato migliaia di euro ai suoi assistiti

VicenzaToday è in caricamento