rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Cronaca Altavilla Vicentina

Altavilla, altra alba di crimini e spari: due arresti

Due giovani, un marocchino ed un serbo, non si fermavano all'alt dei carabinieri e sono fuggiti fino a Sarego, dove un militare, vista la situazione di pericolo, ha sparato 5 colpi di pistola

Nelle prime luci odierne, a seguito di una rocambolesca fuga protrattasi per diversi chilometri nel territorio del vicentino, i carabinieri di Altavilla Vicentina sono riusciti ad arrestare R.B.B, 24enne, marocchino, e M.V., 21enne, serbo, entrambi già noti alle foze dell'ordine e residenti a Lonigo. Come accade sempre più frequentemente, non sono mancati i colpi di pistola.

I due, mentre viaggiavano a bordo di una Fiat Punto, risultata rubata, non si fermavano all’alt, dandosi a precipitosa fuga in direzione di Montecchio Maggiore. Ne scaturiva quindi un lungo e difficoltoso inseguimento, durante il quale più volte i malfattori effettuavano numerose manovre violando più volte il Codice della Strada e mettendo a rischio la vita dei militari tentando in continuazione di speronare l’autovettura militare che cercava di superarli e bloccarli.

Giunti in Sarego i malfattori tentavano nuovamente di speronare l'autovettura militare, quindi al fine di evitare la fuoriuscita del mezzo, in condizione di sicurezza, un militare esplodeva 5 colpi di arma da fuoco con la pistola d’ordinanza, colpendo una ruota della Fiat Punto, che terminava la corsa contro un cordolo. A questo punto, ancora non domi, i due proseguivano la fuga a piedi venendo inseguiti e bloccati dopo una decisa colluttazione, a seguito della quale uno dei militari e M.V. riportavano lievi ferite giudicate guaribili per entrambi in una settimana. A seguito di perquisizione si rinvenivano e sequestravano: due bastoni in legno, un tirapugni e un cacciavite, il tutto occultato all'interno dell'autovettura.

Successivi accertamenti consentivano di acclarare che il serbo, conducente dell’auto rubata, era altresì sprovvisto di patente di guida, poiché mai conseguita. Arrestati per resistenza e violenza a pubblico ufficile., e deferiti in stato di libertà per: ricettazione, porto di oggetti atti ad offendere e guida senza patente, venivano associati presso la casa circondariale di Vicenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altavilla, altra alba di crimini e spari: due arresti

VicenzaToday è in caricamento