Cronaca

Addio a Ettore Scola, a Vicenza e Bassano girò "Il commissario Pepe"

Il grande regista è morto all'età di 84 anni, si è spento nel reparto di cardiochirurgia del Policlinico di Roma. Con i sui capolavori raccontò l'Italia, nel vicentino ambientò uno dei suoi capolavori, "Il commissario Pepe"

Il cinema italiano perde un altro dei suoi grandi interpreti: si è spento al Policlinico di Roma il regista Ettore Scola. Il maestro, 84 anni, era da tempo malato ed era ricoverato nel reparto di cardiochirurgia. La sua arte ha attraversato più di cinquant'anni di cinema, facendo sorridere tutta l'Italia. Artista impegnato, fu parte del governo ombra del Partito Comunista Italiano nel 1989, ma con la commedia, a tratti di un'ironia spietata, è sempre riuscito a tratteggiare tutti i tipi di italiani. Indimenticabili i sui capolavori come "Una giornata particolare",  "La terrazza", "C'eravamo tanto amati". 

Nei cuori dei vicentini resta però indelebile il ricordo di uno dei suoi film più riusciti: il commissario Pepe. Girato a Vicenza e a Bassano del Grappa, città mai nominate nel film, è una rappresentazione amara e ironica del finto perbenismo e dell'ipocrisia di una città del nordest, dove in settimana si pecca, specialmente in fatto di sesso, la domenica si va in chiesa per lavarsi la coscienza e poi si ricomincia a peccare appena usciti.

La camera ardente sarà aperta a partire dalle ore 11 a piazza del Verano 38, Roma.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Ettore Scola, a Vicenza e Bassano girò "Il commissario Pepe"

VicenzaToday è in caricamento