rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Ristrutturare

Come creare una stanza in più, soluzioni low cost per separare ambienti

Senza bisogno di muratura, un intervento bello esteticamente e poco dispendioso

L'open space è decisamente un'ottima soluzione per conferire aria ad ambienti di dimensioni ridotte ma ha i suoi svantaggi: azzera la privacy e la promiscuità tra gli ambienti rende tutto più caotico. Proprio dall'esigenza di organizzare al meglio la casa senza per questo rinunciare a spazio e luce nascono le più intelligenti soluzioni low cost per dividere gli ambienti.
E' possibile separare con interventi senza muratura, temporanei: pannelli in cartongesso, porte scorrevoli in legno o in vetro, librerie o divisori di design, giardini verticali.

Dividere con i mobili

Se non vogliamo realizzare interventi di muratura, un modo per dividere la stanza in due è utilizzare i mobili. Dalla libreria, alla cassapanca fino ai divani basta posizionarli nel modo corretto e in un attimo si avranno due ambienti distinti. I mobili giusti possono dividere lo spazio ed in più sono anche funzionali. Ad esempio il mobile contenitore riesce a racchiudere al suo interno oggetti di uso quotidiano e se optiamo per quello alto fino al soffitto può trasformarsi in una parete mobile.

Intramontabile tenda

Non storcete il naso: è tutta questione di stile. Il mix perfetto di tessuto e colore, infatti, rende possibile isolare la zona notte con le tende, aggiungendo anche un tocco di design all'intero ambiente. Perfette quelle in fibra vegetale o in carta grezza opacizzata, da alzare verticalmente, bianche per un ambiiente minimal o dai colori forti per una casa giovane e hi tech, passando per le soluzioni più romantiche con decorazioni floreali.

Per chi ama gli ambienti di sapore ottocentesco, c'è poi il velluto: nero per un effetto ultra chic, da abbinare a lenzuola di seta rosse o rosa, oppure per chi ama lo stile animalier, con stampa leopardata o zebrata. 

Indiscutibili i vantaggi: si rimuovono facilmente e possono essere sostituite e rinnovate senza lavori di ristrutturazione e/o budget impegnativi

Separé, paraventi e pareti scorrevoli

In commercio ce ne sono di meravigliosi: semitrasparenti o matti, di policarbonato o legno o tessuto. Inutile dire che, scelti con gusto, conferiscono un tocco di design. Consentono di separare l'ambiente quando serve, per poi sparire senza nessuna difficoltà.  

In alternativa, per una soluzione più "stabile", si può optare per il montaggio dei pannelli  su telaio, di legno o alluminio: l'ingombro resta minimo. Per evitare incampi, meglio scegliere il telaio da soffitto. Quello a pavimento richiede un delocato lavoro da "incasso" da far eseguire da un tecnico, a regola d'arte, per evitare danni ai rivestimenti

Libreria, con o senza rotelle

La libreria è un elemento d’arredo indispensabile in qualsiasi casa, sia per accogliere libri e offetti, sia perché rappresenta una quinta ideale per separare un ambiente senza sacrificare eccessivamente luce e aria.  

Se abbiamo un budget medio-alto, la scelta potrà ricadere su una struttura realizzata su misura e in legno massello. Diversamente  on line c'è solo l'imbarazzo della scelta.

Giardino verticale

Scaffalature e mobili contenitori possono essere l’idea giusta per separare gli ambienti di un open space. In legno, compensato, cartongesso, alluminio o ferro battuto, possono diventare facilmente un elemento di design se arricchite con contenitori colorati o, meglio ancora, da piante come giardino verticale.

Le vetrate 

Se siamo particolarmente accorti e, soprattutto, in casa non ci sono bambini si può scegliere una parete in vetro, trasparente o colorato. Decisamente più tranquillizzante il vetro antiurto o il vetro sintetico, che ha maggiore resistenza agli urti del vetro tradizionale e presenta un costo decisamente più contenuto.

Prodotti online

Libreria divisoria 

Vetro sintetico

Policarbonato

Giardino verticale

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come creare una stanza in più, soluzioni low cost per separare ambienti

VicenzaToday è in caricamento