rotate-mobile
blog

Le done nei proverbi vicentini

Vittime o tiranne? Dagli antichi proverbi vicentini emerge una immagine complessa del ruolo femminile: "sbetega", infida, da rispettare ma, purtroppo, anche da "batere"

A pianto de dona e a sudor de cavalo, badaghe poco.
Al pianto delle donne e al sudore del cavallo non si deve badare molto'

Bele da xovene, sbeteghe da vece
Belle da giovini, bisbetiche da vecchie

Do femene e na séola fa un marcà.
Due donne e una cipolla fanno un mercato.

Done e bacalà mai pestà assà
Donne e baccalà non sono mai battute abbastanza

Done e scale, mai voltarghe le spale
Donne e scale, mai girargli le spalle

In casa de galantomeni prima le done e dopi i omeni
In casa di gente per bene prima le donne e dopo gli uomini

Par le vedove qualunque omo es xé belo
Per una vedova qualunque uomo e' bello

Rossa de bel pel, sento diavoli per cavel
Bella con i capelli rossi, cento diavoli per capello

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le done nei proverbi vicentini

VicenzaToday è in caricamento