Cause e rimedi forfora: come eliminarla naturalmente

Ecco come si forma, perché si presenta e come sbarazzarsene

Bastano pochi ingredienti, noti per le loro proprietà antinfiammatorie, lenitive e sebo normalizzanti per correre ai ripari ed eliminare in modo gentile desquamazione, rossore, irritazione, prurito e, naturalmente, le scaglie bianche tra i capelli.

Utilizzando questi rimedi naturali anti forfora, oltre a migliorare l’aspetto della tua chioma, proverai un vero sollievo e ti ritroverai con i capelli più forti, sani e splendenti.

La forfora è una patologia del cuoio capelluto molto comune che può manifestarsi a qualunque età, e che provoca spesso imbarazzo e fastidio. La forfora si presenta sotto forma di scagliette bianche e secche alla base del capello, è spesso accompagnata da prurito e fastidio localizzato ed è dovuta da un'alterazione della desquamazione del cuoio capelluto, un processo fisiologico per cui le cellule epiteliali nascono, proliferano e muoiono, per poi essere eliminate tramite la desquamazione del cuoio capelluto. Quando questo ciclo risulta alterato, può accadere che la desquamazione sia particolarmente abbondante e che si presenti sotto forma di forfora, che va a distribuirsi sia sul cuoio capelluto sia su spalle e capelli.

Vediamo quindi quali possono essere le cause della forfora e i rimedi per sbarazzarsi di questo fastidioso problema.

I rimedi antiforfora tradizionali prevedono l’uso di uno shampoo contenente ingredienti come zinco piritione, ketoconazolo, catrame di carbone, disolfuro di selenio e ancora acido salicilico, soluzioni efficaci al fine di combattere funghi e batteri. La loro presenza permette di sciogliere la forfora in modo tale che possa essere rimossa facilmente. E’ però possibile anche ricorrere al fai da te. A rivelarlo è stata la rivista statunitense Reader’s Digest.

Aspirina - Contiene lo stesso principio attivo (acido salicilico) dello shampoo antiforfora. Come si applica? Basta schiacciare due pasticche e, una volta ridotte in polvere, si vanno a mescolare con lo shampoo. Lasciare poi la miscela in posa sui capelli per 1-2 minuti, quindi sciacquare bene e lavare di nuovo con un normale detergente.

Tea tree oil - Uno studio ha dimostrato che lo shampoo contenente una percentuale pari al 5% di tea tree oil migliora significativamente il problema della forfora. È inoltre possibile aggiungere alcune gocce di tea tree oil al proprio prodotto preferito. Si procede poi, regolarmente, con il lavaggio.

Bicarbonato di sodio - A volte non c’è bisogno di ricorrere alle farmacie. Basta aprire la propria dispensa di casa per reperire ciò che fa al proprio caso. Ebbene sì, il bicarbonato di sodio ne è un valido esempio. Parliamo di un ingrediente molto utile per combattere i funghi responsabili dell’insorgenza della forfora. In primis bisogna bagnare i capelli per poi applicare una manciata di bicarbonato di sodio sul cuoio capelluto massaggiando per circa 3-5 minuti. Niente shampoo, si passa direttamente al risciacquo. Sebbene in un primo momento il bicarbonato di sodio possa rendere i capelli secchi ecco che, dopo qualche settimana, il cuoio capelluto inizierà a produrre oli naturali lasciando i capelli più morbidi e privi di quelle fastidiose scaglie bianche.

Aceto di sidro di mele - Il Dr Mehmet Oz vede nell’aceto di sidro di mele un ottimo trattamento antiforfora. L’acidità dell’aceto cambia il pH del cuoio capelluto rendendo più difficile la crescita dei lieviti. Mescolare un quarto di tazza di aceto di sidro di mele con la stessa quantità di acqua. Mettere il tutto in una bottiglia spray e spruzzare sul cuoio capelluto. Si va poi ad avvolgere la testa con un asciugamano lasciando riposare il tutto per un tempo di posa variabile che va dai 15 ai 60 minuti. Infine risciacquare. Il tutto va ripetuto due volte a settimana.

Collutorio - Anche il collutorio permette di gridare basta forfora. Le sue proprietà antifungine aiutano a prevenire la crescita di quel lievito responsabile dell’insorgenza delle fastidiose scaglie bianche. Bisogna lavare i capelli con il regolare shampoo per poi risciacquare con un collutorio a base di alcol.

Olio di cocco - Anche l’olio di cocco rappresenta un ottimo trattamento per la forfora. Il suo odore, inoltre, è particolarmente gradevole. Prima di fare la doccia, massaggiare 3-5 cucchiai di olio sul cuoio capelluto e lasciare in posa per circa un’ora. Si procede poi con lo shampoo come di consueto.

Limone - Anche il limone non è da sottovalutare. Basta applicare 2 cucchiai del suo succo sul cuoio capelluto, massaggiare e sciacquare per poi lavare di nuovo sciogliendo 1 cucchiaino di succo di limone in una tazza di acqua. Ripetere il trattamento ogni giorno finché la forfora non è definitivamente scomparsa.

Sale - Il comune sale da cucina, oltre a dare sapore a mille e una pietanze, è anche un toccasana per combattere della forfora. La sua abrasività permette di eliminare quei fiocchi bianchi che tanto tormentano. Prima dello shampoo si applica una manciata di sale sui capelli asciutti per poi massaggiarlo sul cuoio capelluto.

Aloe vera - L’aloe vera è un ottimo rimedio. Aiuta a lenire il prurito. Il succo di questa pianta si applica, con un massaggio, sul cuoio capelluto prima dell’applicazione dello shampoo.

Aglio - Le proprietà antimicrobiche dell’aglio sono perfette per eliminare i batteri che provocano la forfora. Schiacciare gli spicchi e strofinarli sul cuoio capelluto. Per evitare che rimanga un cattivo odore, il sito healwithfood.org suggerisce di aggiungere del miele.

Olio di oliva - Con l’olio d’oliva è possibile realizzare una vera e propria maschera. Si vanno ad applicare sul cuoio capelluto circa 10 gocce di olio prima di andare a dormire e si lascia riposare tutta la notte. Al risveglio si procede con lo shampoo. Et voilà, così facendo sarà possibile mettere un punto al problema. Basta forfora.

Le cause della forfora

Per riuscire ad individuare le cause della forfora bisogna prima individuarne il tipo: infatti, si possono distinguere due diversi tipi di forfora, quella secca e quella grassa.

  • Forfora secca - nel caso di forfora secca (o pitiriasi) il cuoio capelluto è disidratato ma non appare infiammata, mentre la desquamazione avviene in modo rapido e continuo senza prurito o in forma lieve e senza irritazione cutanea. La forfora secca, inoltre, tende a manifestarsi in periodi di forte stress emotivo e durante l’inverno.
  • Forfora grassa - in caso di forfora grassa il cuoio capelluto presenta un eccesso di sebo e untuosità, con una produzione copiosa di squame giallastre, molto spesse, simili alla “crosta lattea” dei neonati, che si staccano a ciclo continuo dalla testa. Inoltre, la forfora grassa è accompagnata da prurito intenso, con il conseguente rischio di comparsa della dermatite seborroica, e, in questo caso, purtroppo anche della caduta dei capelli.

Individuare il tipo di forfora è quindi importante per poter capire cosa fare ed agire con il trattamento giusto. Inoltre, sia la forfora secca che quella grassa possono presentarsi in tre modalità differenti: forfora fisiologica, forfora occasionale e forfora patologica.

La forfora fisiologica rientra nel ciclo fisiologico della desquamazione del cuoio capelluto ed è quindi dovuta al ricambio dello strato più superficiale dell’epidermide, che si desquama regolarmente. La caduta di queste cellule epiteliali è innocua per il cuoio capelluto, ma può essere accentuata da agenti atmosferici ed esterni, come aria troppo secca o lavaggi frequenti e con shampoo troppo aggressivi

La forfora occasionale si può presentare a causa di determinate condizioni:

  • microrganismi (infezioni) - batteri aerobi come il bacillo dell’acne (corynebacterium acnes) o microrganismi patogeni come il Pityrosporum ovale e la Malassezia, accompagnati solitamente da forte prurito e molta desquamazione;
  • trattamenti meccanici aggressivi - come unghie, spazzole o pettini, che provocano piccole escoriazioni, danno origine ad infiammazioni localizzate, seguite da desquamazione e forfora, e creano un ambiente ideale per la proliferazione dei microrganismi patogeni (batteri e miceti);
  • trattamenti igienici errati.

I principali trattamenti igienici errati che causano la comparsa di forfora occasionale sono:

  • l’utilizzo di shampoo serbonormalizzanti troppo aggressivi con base alcalina, che ostacolano il giusto bilanciamento di sebo cutaneo e provocano il disgregamento del sebo stesso sotto forma di forfora;
  • l’impiego di lozioni troppo alcoliche che hanno un effetto negativo sulla cheratina, la quale si disidrata provocando forfora;
  • un uso eccessivo di sostanze alcaline, che disgregano la cheratina e producono così le classiche squame della forfora;
  • l’esposizione a fonti di calore troppo secco, che causa anch'esso la disidratazione della cheratina.

La forfora patologica, invece, è provocata dallo squilibrio biologico idro-lipidico-proteico della cute e può essere causata da:

  • iperidrosi - eccessiva sudorazione dei tessuti superficiali e a causa di patologie a livello cutaneo;
  • disidrosi - scarsa idratazione della cute a causa di una disfunzione delle ghiandole sudoripare e dei vasi superficiali;
  • seborrea - eccessiva produzione di sebo;
  • asteatosi - insufficiente produzione di sebo;
  • ipertrofia - eccessiva produzione di sostanze proteiche;
  • atrofia - insufficiente produzione di sostanze proteiche;
  • distrofia -  inadeguato nutrimento delle cellule germinative.

Infine, tra gli elementi che contribuiscono ad accentuare la forfora possiamo trovare: una cattiva alimentazione, lo stress e lavaggi troppo frequenti, troppo diradati, o con prodotti aggressivi o non idonei al proprio tipo di capelli.

I rimedi contro la forfora

Per combattere efficacemente la forfora è quindi fondamentale identificare prima la tipologia di forfora della quale si soffre: infatti, un rimedio efficace contro un tipo di forfora può aggravare il problema con un altro tipo. In questo senso, è importante quindi sottoporsi ad una visita medica dermatologica, per indagare cause e caratteristiche della forfora e scegliere così il trattamento più idoneo.

In generale, per combattere il fastidioso problema della forfora è bene assumere alcune buone abitudini, come utilizzare prodotti specifici per il proprio tipo di capelli, evitare un uso smodato di prodotti come gel, lacche e mousse, seguire un'alimentazione sana, varia e particolarmente ricca in aminoacidi solforati, omega-3, antiossidanti e vitamine del gruppo B, evitare le fonti di calore eccessivo (come piastre e arricciacapelli), l'utilizzo di prodotti aggressivi e, quando possibile, le situazioni particolarmente stressanti.

Inoltre, è possibile utilizzare shampoo specifici per la forfora, che si differenziano in base al principio attivo che contengono, come lo zinco piritone, il catrame di carbone, il solfato di selenio, il ketoconazolo o prodotti fitoterapici a base di estratti di peperoncino, aceto di mele o oli essenziali di eucalipto, di rosmarino, di limone, di salvia, di ortica e di tea tree.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Veneto verso cambio fascia e ipotesi coprifuoco anticipato in tutta Italia

  • Lotto, raffica di vincite con la stessa combinazione

  • Va in ospedale per un taglio, prende il Covid e muore a 53 anni

  • Madame, la giovane di Creazzo stasera al Festival di Sanremo

  • Troppi clienti nel negozio di parrucchiere, multa e attività chiusa

  • Veneto in arancione, pubblici esercizi in ginocchio: "Non ce la facciamo più"

Torna su
VicenzaToday è in caricamento