Coronavirus, è caccia al lievito di birra: dove trovarlo in provincia di Vicenza

Dove acquistare il lievito e come fare il pane in casa

In questo mese di quarantena tutti siamo diventati fornai e pasticceri, le case profumano di cibo. A marzo il lievito di birra è andato a ruba e ora è introvabile. Nei supermercati è esaurito ovunque, e le cassiere spiegano che non c'è speranza neanche la prossima settimana. In provincia di Vicenza i panetti sono un oggetto del desiderio. Sono introvabili. In alcuni negozi è stato affisso il cartello “lievito finito” per avvisare i clienti a caccia dei preziosi cubetti. C’è chi rimedia con le bustine, chi si cimenta nella preparazione del lievito madre. Ma la soluzione vera è andare dove c'è sempre, cioè in un panificio e chiederne un po'. 

In questi giorni, nei negozi di alimentari, vi sarà capitato anche di vedere lo scaffale delle farine sguarnito o addirittura vuoto: queste "scene da coronavirus" sono perchè tutti si sono messi a cucinare essendo segregati in casa. Il pane fatto con le proprie mani sta diventando un'abitudine per molte famiglie. Comportamento virtuoso perché permette di non uscire. Ma fare il pane è qualcosa di più, è diventato un rito in questi giorni di quarantena, il pane in forno sembra riportare le famiglie intorno al focolare, riscoprendo antiche abitudini e trasformando una necessità in un gioco collettivo o, per i single, solitario.

Come fare il pane in casa

Preparare il pane in casa non è assolutamente difficile, con la ricetta giusta e seguendo il procedimento che vi indichiamo

Occorrente: 

  • 1kg di farina: i puristi amano distinguere i tipi di farina e fare miscele. In realtà per un pane fragrante è sufficiente la comunissima farina  00 
  • 24 gr di lievito di birra (pari a 2 cubetti)
  • 740 ml di acqua a temperatura ambiente: se usate quella del rubinetto, raccoglietela in una caraffa (o una ciotola, o una pentola) e lasciatela "riposare" per un po', servirà a disperdere il cloro
  • 4 cucchiaini di sale
  • 2 cucchiaino di miele: ottimo il grezzo millefiori, da girare bene prima dell'utilizzo
  • Forno caldo: se utilizzate quello ventilato la temperatura sarà 230°, per quello a gas 210° saranno sufficienti. La placca andrà collocata verso la parte bassa del forno, ma non a contatto con la stessa

Procedimento:

  • Se avete un robot da cucina è il momento di utilizzarlo, diversamente dovrete procedere a mano, come facevano le nostre nonne e bisnonne.
  • Versate  tutta la farina in una ciotola capiente o nella bowl dell'impastatore.
  • Dai 740ml di acqua toglietene una tazzina e mettetela da parte
  • sciogliete nella caraffa con l'acqua il lievito e il miele, girando bene ma senza agitare
  • sciogliete nella tazzina con l'acqua il sale, sempre girando bene
  • Inziate a versare al centro della farina circa 4/5 dell'acqua della caraffa con il miele e il lievito, impastando con una forchetta. Aggiungete quindi l'acqua con il sale sempre continuando ad impastare e terminate con l'acqua della caraffa. 
  • Lavorate a lungo, sbattendo l'impasto su un piano (servirà a far incorporare aria per la lievitazione) e non preoccupatevi se risulterà molle e appiccicoso: è proprio cosi che deve essere. Soprattutto, non va assolutamente aggiunta altra farina. Quindi, con un po' di pazienza, mettetelo in una ciotola capiente (crescerà raddoppiando di volume) e spruzzateci su un po' di farina.
  • L'impasto deve crescere in luogo caldo, al riparo da correnti fredde e da finestre aperte, per 3 ore.

Cottura

Accendete il forno.

  • Mentre il forno arriva a temperatura, prendete della carta forno oppure una qualsiasi teglia in materiale antiaderente oppure un foglio di alluminio su cui passare pochissimo olio.
  • Prendete l'impasto e lavoratelo con una spatola rigirandolo 3 o 4 volte, quindi dividetelo in 3 aiutandovi con la spatola e, dopo aver ben infarinato le mani, sistematelo sulla placca cercando di dare una forma allungata a filone, avendo cura di distanziare i pezzi che se no si salderanno tra loro durante la cottura.
  • Non avvilitevi se risulta appiccicoso e se i filoni non sembrano regolari.

Infornate.

Per la cottura servono circa 30 minuti.

Il risultato è strepitoso e il sapore ottimo. In più, se avrete cura di avvolgerlo in un canovaccio pulitissimo di cotone, il vostro pane si conserverà per 2 giorni mantenendo gusto, morbidezza e fragranza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal 1 giugno l'obbligo di mascherina all'aperto non c'è più

  • Eclissi: in arrivo lo spettacolo della 'Luna delle Fragole'

  • Runner sale sulla cresta, scivola e fa un volo di un centinaio di metri: muore 37enne

  • Schianto tra moto sul Grappa: padre e figlia perdono la vita

  • Coronavirus, stop mascherine all'aperto: nuova ordinanza di Zaia

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

Torna su
VicenzaToday è in caricamento