menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianni Zonin (foto Ansa)

Gianni Zonin (foto Ansa)

Crac BpVi: il tribunale revoca le donazioni di Zonin a moglie e figlo

La decisione del giudice a 12 giorni dalla ripresa del processo che vede coinvolto l'ex presidente della banca popolare

Dopo lo stop causato dalla pandemia di coronavirus, il 19 maggio ripartirà  il processo a Vicenza contro Zonin e altri cinque ex top manager e consiglieri della ex Banca Popolare di Vicenza.

Nel frattempo il tribunale ha deciso di revocare gli atti con cui l'ex presidente della banca, dopo il crac, aveva intestato immobili e quote societarie trasferiti alla moglie e al figlio nel novembre 2015. Il giudice ha infatti accolto il ricorso della BpVi in liquidazione coatta amministrativa.

I beni torneranno quindi in capo a Zonin e potrebbero essere sequestrati in caso di eventuale risarcimento danni se venisse accertata la responsabilità dell'ex banchiere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Madame, la giovane di Creazzo stasera al Festival di Sanremo

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Frontale tra due auto, in ospedale le conducenti

  • Incidenti stradali

    Investito da un'auto sulle strisce: in ospedale un 78enne

  • Attualità

    Dpcm Pasqua: ecco cosa cambia

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Loison tra le “100 Eccellenze italiane 2021” di Forbes

  • Attualità

    Yale Stock Trading Game, un bassanese sul podio

Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento