menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vigili del fuoco, il Covid riduce gli interventi ma compensa il maltempo: il report del 2020

Oggi 4 dicembre, i pompieri festeggiano la loro Santa patrona. Cerimonia al Tempio di San Lorenzo per il comparto di Vicenza, nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti in materia di contenimento della diffusione del virus SARS COV 2

Dal 1° dicembre 2019 al 30 novembre 2020 nel Veneto sono stati 39.090 gli interventi dei Vigili del fuoco a fronte di 57.211 squadre intervenute. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente c’è stata una diminuzione pari a 2.475 interventi.

Mediamente ogni giorno i Vigili del fuoco sono intervenuti in Regione 114 volte con la presenza di 156 squadre. La diminuzione degli interventi è da mettere in relazione al particolare momento della pandemia. Eccezione fatta per i comandi di Vicenza e Verona, dove l’incremento è dovuto ai numerosi interventi per il maltempo tra fine agosto e settembre.

Schermata 2020-12-04 alle 09.52.27-2

Sono stati 8804 gli interventi del comando di Venezia a seguire il comando di Verona con quasi 6508 interventi, Vicenza con 6060, Treviso con 5517, Padova con 5206, Belluno con 3970 e Rovigo con 2808.

Gli incendi sono stati 6.804 con una diminuzione di 384 interventi in meno rispetto al periodo annuale preso in esame. Tra i roghi più importanti, dell’anno durati più giorni a maggio, l’incendio della La 3 V Sigma a Marghera-Venezia. L’incendio dello stabilimento di trattamento rifiuti Futura a Montebello Vicentino nei mesi di aprile e settembre. Il rogo della Geo &Tex a Campolongo sul Brenta nel mese di Maggio. Incremento per gli  interventi per soccorsi e salvataggi 7.180 tra cui rientra l’attività di ricerca persone secondo i piani delle prefetture. Forte decremento invece per gli interventi di incidente stradale pari 2.537 interventi rispetto ai 4038 dei dodici mesi precedenti. Sono stati 531 le attività d’intervento dei vigili del fuoco per attività di soccorso legate al Covid-19.

Tra le attività della direzione interregionale dei Vigili del fuoco del Veneto e Trentino Alto Adige, diretta dall’ing. Loris Munaro, il coordinamento dei 7 comandi provinciali, la gestione della colonna mobile regionale, del nucleo elicotteri di Venezia dei sommozzatori sempre della città lagunare e di Vicenza sede degli speleo sub della macro area Nord.

Tra i compiti della direzione interregionale l’esame delle istanze di deroga alle normative vigenti antincendio: oltre 200 quelle esaminate nel 2020. Inoltre una volta il mese si è riunito anche il comitato tecnico regionale per l’esame della direttiva Seveso, (attività svolta dallo scorso  mese di marzo sempre in videoconferenza) che in Veneto riguarda 55 attività a rischio d’incidente rilevante.

Da segnalare in agosto la partecipazione di  5 operatori  dei comandi di Venezia, Treviso e Vicenza alla missione internazionale di Beirut composta da 15 vigili del fuoco esperti in materie NBCR (Nucleare, Biologico, Chimico, Radiologico) per l’esplosione avvenuta  al porto che ha devastato la città.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Spv, «il decollo mancato» di una ruspa e il sarcasmo del web

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento