menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fiori e candele sulla panchina della morte: Campo Marzo ricorda Renato

Una bellissima rosa "bianca", una bandiera, un biglietto con due parole "Ciao Rena", una sciarpa e una lettera di addio. Al di là di ogni retorica e della vita che può aver fatto Renato Martinelli qualcuno ha voluto dare dignità alla sua morte

La morte di Renato Martinelli su una panchina di viale Dalmazia a Campo Marzo non dovrebbe essere derubricata solo come l'ennesima vittima della droga in Italia. Se da una parte è giusto che la cronaca descriva, meglio senza troppa retorica, i rischi dell'uso di sostanze stupefacenti e in particolar modo quelli legati all'eroina, dall'altra è altrettanto doveroso dare dignità a ogni essere umano che perde la vita e in particolar modo se la vita viene spezzata a soli 48 anni. A trovare il corpo di Renato, mercoledì mattina verso le 6:30, sono stati alcuni passanti che hanno avvisato la polizia. «La prima a trovarlo è stata una signora con un cane che vedo sempre a campo marzo, poi è arrivata un'altra signora e poi sono arrivato io - racconta Pierangelo - uno dei testimoni che si trovava sul posto - la cosa che mi è sembrata subito strana è che il cane non abbaiava nel vedere quell'uomo disteso a fianco della panchina, poi gli ho preso le mani ed erano fredde, senza vita. Ma erano mani forti, sembravano mani di un lavoratore e anche il viso era pulito, il viso di  una bella persona, non sembrava morto per droga»

Il signor Pierangelo sperava che Renato fosse vivo, ma da quel corpo a terra non usciva più nessun respiro. Nei prossimi giorni sarà l'autopsia a stabilire se Martinelli, romano di nascita ma vicentino di adozione, sia morto o no per un'overdose. Il pubblico ministero Corno ha aperto  un fascicolo sul decesso e per avere la certezza sulle cause bisogna aspettare un'altra settimana. «Non aveva niente che indicasse una morte per droga - continua Pierangelo - accanto a se non aveva nessuna siringa, non ho visto nemmeno una siringa infilata sul braccio e nemmeno  un cucchiaino a terra. Sulla panchina c'era uno zaino chiuso, uno zaino ordinato che più tardi, quando sono tornato sul posto, ho visto rovesciato per terra. Qualcuno evidentemente ci ha messo le mani, a terra c'erano una decina di siringhe, non so dire se nuove o usate». 

Pierangelo è poi tornato venerdì mattina a Campo Marzo e su quella panchina, ha trovato una bellissima rosa  "bianca", una bandiera, un biglietto con due parole "Ciao Rena", una sciarpa, una candela di Padre Pio e una lettera con scritto:

«Buon viaggio fratello non di sangue ma di cuore, mi mancherai, non dimenticherò mai la tua immensa bontà e il tuo grande cuore sarà sempre nei miei ricordi, sei una di quelle persone che non si potrà mai dimenticare»

Al di là di ogni retorica e della vita che può aver fatto Renato, il fatto che qualcuno lo abbia ricordato in un mondo, quello della tossicodipendenza, dove siamo abituati solo e sempre a vedere il lato oscuro e dove - dopo decenni di tentativi di affrontare il problema - la società si ritrova a fare i conti di nuovo con la piaga dell'eroina, rimane il fatto puramente umano di un fiore e di un ricordo. Anche in quelle zone oscure che chiamiamo "bassifondi". E forse proprio da lì, dall'umanità, si dovrebbe partire se si vuole (ri)affrontare realmente questa piaga. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Madame, la giovane di Creazzo stasera al Festival di Sanremo

Attualità

Lotto, raffica di vincite con la stessa combinazione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento