Veleni sulla Valdastico Sud: «C'è la sentenza ma non i colpevoli»

Ricorso in Appello al Tribunale di Vicenza di Medicina Democratica: «Ripartire con Italia veloce, ma nel rispetto delle norme sui materiali di recupero»

La Valdastico Sud (foto di archivio)

Vicenza come la terra dei fuochi. La storia dei “veleni” sui 13 Km della massicciata autostradale Valdastico Sud, inizia nel 2012 con il decesso di un cane morto dopo aver bevuto acqua nei pressi di un cantiere sulla A31. Alla prima denuncia dell’archeologo amatoriale Marco Nosarini, che aveva tenuto sotto controllo i lavori e aveva fatto svolgere analisi in proprio, era seguito un esposto al Tribunale di Vicenza, insieme a Medicina Democratica e AIEA, Associazione Italiana Esposti Amianto.

Da lì l’avvio di un procedimento giudiziario che ha visto costituirsi come parti civili anche il Ministero dell’Ambiente, Italia Nostra, il Comitato Intercomunale Tutela Territorio Area Berica, Legambiente, Regione Veneto, Provincia di Vicenza e il Comune di Montegandella, in cui ricade parte di quel tratto autostradale. 

La vicenda è riassunta nella sentenza del Tribunale di Vicenza, la n. 1482 del 17 dicembre 2019, che riconosce la presenza di materiali pericolosi su lunghi tratti della Valdastico ma tutti gli imputati, rappresentanti di alcune imprese di “recupero” rifiuti, utilizzati nella costruzione dei 13 km, vengono assolti. Nelle motivazioni della sentenza, depositate il 17 aprile 2020la giudice Antonella Toniolo riconosce la presenza nella massicciata di materiali in contrasto con le norme di tutela ambientale, che regolano le caratteristiche dei rifiuti recuperabili in tali opere. Nel contempo, però, esclude le responsabilità penali, in quanto il sistema di registrazione della posa dei rifiuti nelle diverse tratte è stato considerato “non affidabile”: non sarebbe possibile risalire dai punti dei campionamenti, che evidenziano il superamento dei limiti, alla provenienza (fornitura) dei rifiuti. Quindi, l’inquinamento c’è ma non è possibile indicare un colpevole. 

«Sembra un'assurdità: sappiamo con certezza che per lunghi tratti della massicciata della “ Autostrada Valdastico SUD” (Vicenza Rovigo),c’è una “bomba ecologica innescata”, a base di rifiuti e scorie che rilasciano sostanze pericolose per la salute umana come cromo e nichel, ma non ci possiamo fare niente, o meglio la giustizia non è in grado di individuare i colpevoli di tanto danno e delle possibili, gravi conseguenze»,  ha dichiarato Marco Caldiroli, Presidente nazionale di Medicina Democratica, aggiungendo: «Abbiamo fondato timore che questo genere di "storiaccia", con i rischi che comporta, possa replicarsi all’infinito nell’imminente riavvio delle grandi opere infrastrutturali, previste dal Piano “Italia veloce”, 130 opere al momento, fra cui numerosi tratti autostradali in varie parti della Penisola». 

Il movivento ha quindi presentato appello contro la sentenza assolutoria di primo grado «contraddittoria e inaccettabile», aggiunge Caldiroli, concludendo: «Non intendiamo mollare, ma continuare nella ricerca della verità giudiziaria oltre a quella tecnica già chiaramente emersa durante le diverse fasi del processo. Verità che identifica i responsabili nelle aziende che trattano rifiuti in modo inadeguato rispetto alla finalità del loro, concettualmente positivo, recupero».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il grande freddo: gennaio 1985 la nevicata del secolo

  • Franco Picco alla Dakar: la zampata finale del leone

  • Franco Picco alla Dakar 2021: è leggenda

  • Riapre il bar per protesta, multa al titolare e a 17 clienti

  • Coronavirus, 8 decessi nel Vicentino: muore una 58enne

  • Nuovo Dpcm, allo studio divieto d'asporto dopo le 18: per il Veneto più facile l'entrata in zona rossa

Torna su
VicenzaToday è in caricamento