rotate-mobile
Attualità

Marmolada, identificate le 11 vittime: 7 sono vicentine

Anche l'ultimo alpinista è stato identificato. Non ci sono altri dispersi

Si ferma a 11 vittime il bilancio definitivo della valanga sulla Marmolada di domenica 3 luglio. Alle sei vittime identificate dai parenti, si sono aggiunti i nomi dei cinque escursionisti che finora erano considerati dispersi e di cui le analisi dei laboratori del Ris di Parma hanno permesso di attribuire un'identità certa.Tra le 11 vittime, nove sono italiane e due ceche. E il tributo più alto, con 7 morti su 11, lo paga Vicenza.

Tra gli italiani ci sono Filippo Bari, il giovane papà 27enne di Isola residente a Malo; Nicolò Zavatta, 22enne studente all'università di Padova e residente a Ponte di Barbarano; Paolo Dani, 52enne guida alpina di Valdagno; Tommaso Carollo, 48enne di Zanè, compagno di Alessandra De Camilli, rimasta ferita sull ghiacciaio; i coniugi Davide Miotti ed Erica Campagnaro, residenti a Cittadella ma con un negozio a Tezze sul Brenta; i fidanzati Manuela Piran, bassanese di origine, che viveva a Casella d'Asolo in provincia di Treviso con il compagno Gianmarco Gallina, originario di Montebelluna e vittima anche lui del ghiacciaio; la trentina Liliana Bertoldi. Assieme a loro hanno perso la vita due turisti cechi: Pavel Dana e Martin Ouda. 

"Le salme saranno riconsegnate solo a ricerche concluse", ha detto il comandante dei Ris di Parma Giampietro Lago nel corso di una conferenza stampa a Canazei. Il colonnello Lago ha precisato che oggi "sono stati ritrovati altri resti e materiale tecnico con grande probabilità riconducibile agli undici morti accertati". Non si ritiene che ci siano altri dispersi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marmolada, identificate le 11 vittime: 7 sono vicentine

VicenzaToday è in caricamento