menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccino coronavirus, a Villa Margherita adesione al 100% di ospiti e personale

L'inoculazione è avvenuta nella giornata di domenica. L'amministratore della casa di riposo: «Un'organizzazione straordinaria da parte dell'Ulss 8 con medici preparatissimi che hanno fugato ogni dubbio sul vaccino»

«Quando si dice essere orgogliosi dei propri collaboratori, il 100% del personale di Villa Margherita di Valdagno si è vaccinato». A parlare è Roberto Volpe, amministratore delegato della casa di riposo dove, nella giornata di domenica, tutti i 55 ospiti e i 35 dipendenti sono stati vaccinati con il  vaccino Pfizer-Biontech. Le 90 persone hanno ricevuto il vaccino in un'ora e quaranta e tutti, prima della procedura, sono stati informati con i dati sul siero. Tra 21 giorni ci sarà il richiamo per completare l'immunizzazione mentre venerdì partirà la programmazione per la vaccinazione nell'altra struttura della Fondazione Marzotto, il Centro servizi anziani di via Petrarca, sempre a Valdagno, che accoglie 200 persone tra ospiti e personale. E dove, spiega Volpe «Sono sicuro che ci sarà un'altrettanto forte risposta in termini di adesione».

WhatsApp Image 2021-01-04 at 11.35.35 (1)-2

«Ieri ho vissuto un momento bellissimo il personale della Ulss 8 è stato il numero 1, un'emozione vedere la vaccinazione sotto il monitoraggio medico, ognuno poteva parlare con i dottori, ognuno ha fatto fatto un colloquio, dove chi aveva dubbi li ha rimossi, l'azienda 8 si è proprio distinta, un bellissimo lavoro di squadra», continua l'amministratore delegato, aggiungendo: «Questa adesione premia un lavoro  costruito in questi anni di persone che  hanno difeso questo struttura con i denti la sensazione è che chi ha toccato con mano il dramma del Covid abbia sviluppato un certo tipo di sensibilità e penso sia anche un riscatto, oggi gli operatori hanno la possibilità di essere protagonisti, oggi hanno una grande opportunità con il beneficio essere vaccinati». Qualcuno degli operatori all'inizio aveva qualche timore, ma la campagna informativa messa in atto e supportata dai dati sul siero Pfizer ha sciolto ogni riserva. «Non bisogna cadere in quella ridda di notizie false , la gente legge poco e vive di immagine, se la gente si informasse capirebbe che questo è un vaccino più che sicuro, un vaccino sintetico che attiva le difese», conclude Volpe.

La vaccinazione a Villa Margherita è iniziata verso le 10:30 con l'arrivo delle fiale in via Gaetano Marzotto. La macchina organizzativa è stata predisposta da Roberto Volpe e realizzata a livello operativo da un'equipe guidata dal direttore dei servizi socio-assistenziali Giampaolo Stopazzolo e coordinata dal dirigente medico dell'Ulss 8 Antonio Matteazzi. Ospiti e operatori sono stati chiamati prima per un breve colloquio informativo e per la verifica del consenso e poi sono stati chiamati in una sala per la vaccinazione. Alla fine, dopo qualche minuto per il monitoraggio di eventuali effetti collaterali, sono stati congedati. Una signora di 94 anni è stato l'ospite più anziano della struttura a ricevere il vaccino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Buoni fruttiferi riscossi parzialmente, un timbro errato le costa 79mila euro

Attualità

Coronavirus, curva ancora in diminuzione in Veneto: i report di sabato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento