rotate-mobile
Attualità

Tamponi rapidi, Lanzarin: «Basta accuse alla sanità del Veneto»

L'assessore alla Sanità del Veneto interviene sul caso sollevato da Report che vede coinvolti il dottor Rigoli, il professor Crisanti, Zaia e l'ex direttore della sanità, Luciano Flor: «Scienza non sia ostaggio di certa politica»

«C’è un’intera categoria di professionisti della sanità fatta di manager, medici, infermieri e altri professionisti che per mesi si è trovata a fronteggiare una pandemia senza precedenti, misurandosi con scelte organizzative, preventive e cliniche di rilevanza estrema per la salute pubblica. Questo in una situazione del tutto nuova, in cui lo stesso approccio richiedeva coraggio. L’individuazione precoce di tutti i soggetti positivi è stata la stella polare dell’attività regionale per poter dare risposte tempestive in un’emergenza senza precedenti». Con queste parole l’assessore regionale alla Sanità, Manuela Lanzarin, interviene sull'inchiesta del programma televisivo "Report" dedicata all'utilizzo di tamponi rapidi in Veneto nel corso della seconda ondata Covid.

Il nostro sistema sanitario - aggiunge Lanzarin - non può essere tenuto sotto scacco da dubbi e da illazioni. Tutte le posizioni sono legittime e rispettabili in democrazia, ma non possono ingenerare confusione nei cittadini, soprattutto se contengono il rischio di arrecare discredito sull’impegno massiccio che la sanità veneta, a tutti i suoi livelli, sta portando avanti da oltre due anni per contrastare il Coronavirus e tutelare la salute pubblica. Un impegno che la Regione Veneto ha fatto proprio da subito. È profondamente avvilente vedere che questo sforzo immane non solo viene messo in discussione ma viene dipinto come dannoso e controproducente per la salute pubblica. Provo grande tristezza - conclude l'assessore - a vedere come in nome del dibattito politico si possa insistere sul concetto che le decisioni in materia di test antigenici hanno favorito la mortalità. Un’accusa infamante e gravissima, più volte smentita da autorevoli studi internazionali, che nessun amministratore o nessun professionista della sanità si merita dopo essersi impegnato senza sosta per contrastare una sciagura che ha attraversato il mondo con milioni di morti. Sforzi che hanno salvato migliaia di vite».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tamponi rapidi, Lanzarin: «Basta accuse alla sanità del Veneto»

VicenzaToday è in caricamento