Stop all'importazione di pelli di canguro, Lav si mobilita: "Strage di morti lente e dolorose"

Volontari e simpatizzanti hanno dato vita ad un sit-in pacifico davanti alla sede di una nota azienda del settore motociclistico presente a Vicenza

“#Salvacanguri” è lo slogan con cui nel pomeriggio di sabato 8 febbraio, volontari e simpatizzanti LAV si sono mobilitati a Vicenza con un pacifico sit-in nei pressi di una nota azienda del settore motociclistico. 

"Non tutti sanno che l’Italia è il primo paese in Europa importatore di pelli di canguro (oltre 2 milioni tra il 2012 e il 2015) - spiegano i simpatizzanti Lav - pelli utilizzate prevalentemente in ambito sportivo per la realizzazione di scarpe da calcio e tute motociclistiche; ma anche per la produzione di scarpe e accessori di fascia alte del mercato di noti brand. Proprio a tali aziende si sono rivolti i protagonisti del film-denuncia “Kangaroo: a Love-Hate Story”, chiedendo, con un disperato video-appello, di non usare più pelle di canguro". 

"Nessuna pelle o pelliccia, infatti, può definirsi “sostenibile" - dichiara Piera Costa responsabile della sede LAV di Vicenza -  ma questa filiera in particolare, presenta sofferenze inaccettabili per gli animali cacciati. Una strage che provoca morti lente e dolorose, con un numero impressionante di vittime “collaterali”: cuccioli dipendenti dalle madri, deambulanti o ancora nel marsupio, animali feriti, o fuggiti in preda al panico, tutti condannati a lenta agonia". 

"D’altra parte - continua - nel contesto dell’emergenza climatica e degli incendi che da mesi divorano l’Australia, è indispensabile che gli importatori italiani di pelli (ma anche carne) di canguro rinuncino per sempre ad alimentare questo mercato di morte. Nei mesi e anni che seguiranno alla fine degli incendi, infatti, tutti gli animali selvatici avranno concrete e gravi difficoltà di sopravvivenza". 

Ecco perché dal 2019 la LAV si è unita ad una rete internazionale di ONG impegnate per salvare i canguri da questa mattanza. "Come noto - concludono - anche a seguito delle pressioni dell’opinione pubblica, di recente Diadora ha pubblicamente annunciato l'abolizione totale della pelle di canguro da tutti i suoi prodotti a partire da fine anno 2020. La LAV si sta impegnando perché anche le altre aziende seguano l’esempio virtuoso di Diadora". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulle Gallerie del Pasubio: giovane precipita e muore dopo un volo di 150 metri

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • L'appartamento brucia e si lanciano dal 2° piano: mamma e figlio in ospedale, gravissimo il padre

  • Strano ma vero: rapporto troppo focoso, trentenne si frattura il pene

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento