rotate-mobile
Attualità

Smog, dall’1 ottobre tornano i limiti alla circolazione: eccezioni per i lavoratori

Obbligo di chiusura delle porte nei negozi. Fino a fine anno previste anche tre domeniche di formazione ecologica

Il Comune di Vicenza rende noto che nella giornata di mercoledì sono state approvati dalla giunta e presentati dall’assessore all’ambiente le limitazione alla circolazione e le ulteriori misure per il miglioramento della qualità dell’aria che scattano a partire dall’1 ottobre e il calendario delle domeniche di formazione ecologica fino a fine anno. Le disposizioni sono previste dall’accordo di Bacino Padano e dal Pacchetto di misure straordinarie approvate dalla Regione del Veneto. Lo stop riguarda in allerta verde i veicoli privati e commerciali fino a euro 4 diesel e fino a euro 1 benzina; in allerta arancione si aggiungono i mezzi privati euro 5 diesel e quelli privati e commerciali euro 2 benzina; in allerta rossa anche i commerciali euro 5 diesel.

“I provvedimenti approvati oggi in giunta – spiega l’assessore all’ambiente – presentano delle novità rispetto a quelli precedenti. È noto che le limitazioni alla circolazione creano molti problemi senza avere grandi effetti sul miglioramento della qualità dell’aria. Come hanno dimostrato i dati raccolti durante il lockdown, quando con il traffico veicolare bloccato l’incidenza sul miglioramento della qualità dell’aria era solo di circa il 10%. Sono limitazioni però che dobbiamo adottare, come indicato dall’accordo di Bacino Padano e dal Pacchetto di misure straordinarie approvate dalla Regione del Veneto l’anno scorso. Restano quindi i consueti blocchi, ma con tre novità. Il provvedimento sarà triennale e avrà validità fino al 2025 quando, salvo modifiche che ci auguriamo, scatterà lo stop anche per i diesel euro 6. Abbiamo lavorato poi sulle eccezioni, cercando di dare ai cittadini delle soluzioni effettive, rispondendo alle segnalazioni che ci arrivano e considerando il periodo di evidenti difficoltà per il trasporto pubblico per il caro carburante. Diamo quindi la possibilità ai lavoratori di entrare e uscire dalla città per motivi di lavoro, in caso di tragitti non coperti dal trasporto pubblico e lasciando poi ferma la macchina per l’intera giornata. Non sarà possibile invece per altri tipi di spostamenti, come per esempio per fare la spesa. Rendiamo inoltre strutturale l’obbligo per i negozi di tenere chiuse le porte, ad eccezione di quelli dotati di lame taglia aria. Una misura che avevamo già introdotto nel 2019 e su cui abbiamo lavorato l’anno scorso con la campagna “Attenti alle porte”. Chiediamo adesso ai commercianti un gesto per ridurre la dispersione termica ed energetica con effetti anche sulle bollette. In generale, invitiamo, cittadini e negozianti a seguire le misure nell’ottica di una responsabilità collettiva”.

Sul fronte della sensibilizzazione ai temi ambientali, fino a fine anno sono previste tre domeniche di formazione ecologica: il 2 ottobre 2022 in concomitanza con “Puliamo il Mondo”, l’iniziativa organizzata da Legambiente che giunge quest’anno alla sua trentesima edizione; il 30 ottobre in contemporanea con la StraVicenza; il 20 novembre, in occasione della Festa dell’Albero.

Limit i  alla circolazione

Dall'1 ottobre 2022 tornano in vigore, in centro storico e nei quartieri della prima cintura urbana, le disposizioni antismog previste dall’accordo di programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell'aria nel Bacino Padano. Il blocco delle auto sarà sospeso nel periodo natalizio in caso di allerta verde. Oltre al centro storico, sono, come sempre, compresi nel blocco i quartieri di Laghetto, San Pio X, San Bortolo, Quartiere Italia, San Francesco, Sant'Andrea, San Lazzaro, Santa Bertilla, Villaggio del Sole, Santi Felice e Fortunato e parte dei quartieri della Stanga (lato San Pio X) e di Saviabona.

In caso di livello verde, non possono circolare, da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 18.30, i veicoli privati e commerciali a benzina euro 0 e 1; i diesel euro 0, 1, 2, 3, 4; e i ciclomotori e motocicli non catalizzati immatricolati prima dell'1/1/2000 e non conformi alla direttiva 97/24/CE e gli euro 0. Con il livello arancione il divieto riguarderà, tutti i giorni dalle 8.30 alle 18.30, anche i veicoli privati a benzina euro 2 e diesel euro 5, quelli commerciali a benzina euro 2 e i ciclomotori e motocicli euro 1. Il passaggio al livello rosso comporterà lo stop, tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, anche dei veicoli commerciali diesel euro 5.

Per quanto riguarda le eccezioni, i veicoli commerciali alimentati a diesel euro 3 e 4 potranno circolare unicamente per attività di carico/scarico merci solo dalle 8.30 alle 9.30 e non più anche dalle 12.30 alle 15.30. Inoltre, viene introdotta una nuova eccezione, che recepisce altre quattro deroghe cancellate, per consentire ai lavoratori, residenti o con sede di lavoro all’interno dell’area interdetta alla circolazione di effettuare solo il percorso casa-lavoro, a condizione che non ci sia sufficiente copertura del servizio di trasporto pubblico e che durante l’orario di lavoro l’autovettura privata rimanga in sosta e non sia utilizzata. I conducenti dovranno essere provvisti di autocertificazione o dichiarazione del datore di lavoro.

Altre azioni per il miglioramento della qualità dell’aria

Per ridurre la dispersione termica ed energetica e la conseguente emissione di inquinanti, viene introdotto l’obbligo di tenere le porte chiuse nel periodo di accensione degli impianti termici per le attività commerciali, come negozi, magazzini di vendita, supermercati ed esposizioni. Dall’1 ottobre saranno valide anche le altre misure straordinarie per la qualità dell’aria previste dall’accordo di Bacino Padano e che saranno indicate, nel dettaglio, con un’ordinanza.

Tra queste, la riduzione della temperatura di 1 grado nelle abitazioni e negli edifici pubblici in condizioni di allerta arancione e rossa, il divieto di combustioni all’aperto di residui vegetali e il divieto di combustioni di biomassa legnosa (come legna da ardere, cippato o pellet) in generatori di calore domestici aventi prestazioni energetiche ed emissive inferiori alle 3 stelle nel livello verde e a quattro stelle in quello arancione e rosso, in caso di presenza di impianti alternativi.

Domeniche di formazione ecologica

Le tre domeniche di formazione ecologica in programma nei prossimi mesi prevedono attività di sensibilizzazione ambientale che interesseranno diverse aree del territorio comunale con, in alcuni casi, anche il blocco del traffico all’interno delle mura storiche a seconda delle attività previste.

Il primo appuntamento, domenica 2 ottobre, si svolgerà in concomitanza con l’attività di Legambiente “Puliamo il mondo”, che si svolgerà a parco Astichello coinvolgendo volontari e cittadini nella raccolta dei rifiuti e pulizia dell’area verde e del fiume. Il punto di ritrovo dei partecipanti sarà in via Fratelli Bandiera, all'ingresso del parco. Tre opere realizzate da studenti del Boscardin, nell’ambito del progetto "Adotta un'opera d'arte" indetto dal servizio Attività Culturali, sono state scelte e verranno utilizzate come locandine elettroniche delle prossime domeniche di formazione ecologica. Per i ragazzi premiati sarà previsto un buon per l'acquisto di materiali artistici per un valore di 150 euro ognuno. La premiazione avverrà all'istituto scolastico. L’ingresso al museo Naturalistico Archeologico, alle Gallerie di Palazzo Thiene e anche Palazzo Chiericati sarà gratuito. Nelle sedi museali saranno organizzati i laboratori didattici proposti dai Musei Civici e curati da Scatola Cultura. Inoltre, in collaborazione con il Servizio Mobilità e Trasporti, è stata prevista la possibilità di utilizzare gratuitamente il servizio di marchiatura delle biciclette al Bicipark in Stazione, dalle 8 alle 11 e dalle 14.30 alle 18.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smog, dall’1 ottobre tornano i limiti alla circolazione: eccezioni per i lavoratori

VicenzaToday è in caricamento