Attualità

Silenzio sulla valletta: «Il percorso Villa Guiccioli lasciato a se stesso»

Si intitola così l’interrogazione presentata giovedì oggi all’amministrazione comunale dai consiglieri Giovanni Selmo e Sandro Pupillo dell’associazione Da Adesso in Poi

“Silenzio sulla Valletta”. Si intitola così l’interrogazione presentata giovedì all’amministrazione comunale dai consiglieri Giovanni Selmo e Sandro Pupillo dell’associazione Da Adesso in Poi. 

“In questi ultimi giorni mi sono recato personalmente a passeggiare in zona Valletta del Silenzio e ho trovato una situazione che non mi aspettavo, nettamente peggiorata anche rispetto a qualche mese fa”, sottolinea Selmo, che spiega: “Si tratta di un percorso che fanno spesso i vicentini nei loro momenti di relax, ma che è frequentata anche da persone che vengono a visitare la città: l’altro giorno all’imbocco del sentiero, che collega la Valletta con il Parco di Villa Guiccioli, ho trovato due turisti francesi che non capivano come arrivare al Museo del Risorgimento e della Resistenza. E non possiamo biasimarli, visto che lungo il percorso gran parte dei cartelli segnaletici sono divelti o non leggibili. Ma ciò che è più grave è lo stato di notevole degrado e abbandono del percorso: palizzate e gradini in legno sono in evidente stato di disfacimento e crollo; immondizia, erbacce e vegetazione ostacolano la vista e il sentiero, poco riconoscibile fin dal suo inizio”.

“È una situazione a maggior ragione inaccettabile - proseguono Selmo e Pupillo –  perché la pandemia da Covid-19 ha fatto sì che moltissimi vicentini costretti a restare in città abbiano iniziato a passeggiare per le aree verdi della città, riscoprendone alcuni angoli meno conosciuti. La cura urbana e la manutenzione di questi sentieri va pertanto garantita ancora più di prima, specie quando si tratta di uno dei percorsi storico-naturalistici più belli e amati della nostra Città. Questa amministrazione non si sta dimenticando solamente i quartieri, lasciandoli progressivamente all’incuria e al degrado, ma anche i luoghi legati allo svago e al tempo libero”.

“Perché il Comune non contatta e finanzia le associazioni di volontari che hanno curato il sentiero negli anni passati?. Potrebbero essere d’aiuto a riportare il sentiero al più presto ad uno stato dignitoso”, chiosano i due consiglieri che hanno presentato un'interrogazione con la quale chiedono come mai il sentiero che collega la Valletta al Parco di Villa Guiccioli versa in queste pessime condizioni; chi ha la responsabilità del decoro del sentiero; perché il Comune non contatta e finanzia le associazioni di volontari che hanno curato il sentiero negli anni passati; che tipo di lavori deve eseguire il Comune; cosa si intende fare da subito per riportare il Sentiero ad uno stato dignitoso, vivibile e dotato di adeguata segnalazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Silenzio sulla valletta: «Il percorso Villa Guiccioli lasciato a se stesso»

VicenzaToday è in caricamento