Vicenza città pericolosa? Il rapporto dice di no

Dal 2018 in calo furti, borseggi e rapine. Nel periodo Covid riduzione complessiva del 32% dei reati. Il sindaco: «Investiremo ancora sul Targa System»

Foto criminalità

Un rapporto contenente il raffronto dei dati sulla criminalità nel Comune di Vicenza tra il 2018 ed il 2019 e tra i primi sei mesi dello scorso anno e lo stesso periodo di questo 2020, è stato consegnato martedì mattina dal prefetto al primo cittadino berico.

I dati sono altalenanti tra i due anni pre Covid, mentre pressoché univoci e in calo (tranne qualche voce) nel periodo iniziale di quest'anno, inevitabilmente condizionato dalla pandemia virale. «Ringrazio il prefetto e tutti i comandanti delle forze dell'ordine – dichiara il sindaco di Vicenza – per aver fornito questi dati ma soprattutto per la costante collaborazione in questi due anni attraverso il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza, ma non solo. I dati, sostanzialmente, ci indicano che alcuni crimini sono in costante calo, anche prima del Covid, mentre altri devono essere perseguiti con costanza e determinazione. Continueremo ad investire sulla video sorveglianza, il Targa System, la sede distaccata della polizia locale, l'assunzione di nuovi agenti, il cane anti droga, e tutta una serie di interventi con ordinanze ad hoc anti degrado e anti droga che ci permetteranno di dare risultati in termini di sicurezza»

MENO FURTI E RAPINE

Nello specifico, le differenze in diminuzione tra il 2018 ed il 2019 riguardano i reati inerenti i furti in case e negozi (65 in meno), i borseggi (-23%) le rapine (da 63 a 52) e i reati inerenti la prostituzione (da 4 a 1). In leggero aumento i furti d'auto (da 72 a 84), i reati legati allo spaccio di sostante stupefacenti (da 51 a 56), le estorsioni (da 11 a 20) ed il dato complessivo che passa da 5.964 a 6.203 (+4,1%), condizionato in negativo dal grosso aumento delle truffe informatiche che segna quasi un 50% in più (da 447 a 666).

CRIMINALITÀ AL TEMPO DEL LOCK DOWN

Il raffronto, invece, tra i primi sei mesi del 2019 e lo stesso periodo del 2020 è fortemente condizionato dal lock down con un -32,15% complessivo dei reati, passati da 3.104 a 2.106. Quasi tutte le voci sono in calo a partire dai furti (-29,80% nelle case, -29,79% d'auto, -47,93 nei negozi), ma anche i borseggi (da 153 a 81), le rapine (-30,43%), le estorsioni (da 13 a 1) e pure le frodi informatiche passate da 332 a 280 (-15,66%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

STUPEFACENTI 

In controtendenza i dati sugli scippi passati da 12 a 15, i reati legati alla prostituzione (da 0 a 2) e i reati inerenti gli stupefacenti, aumentati del 29,63% (da 27 a 35) durante i primi sei mesi di quest'anno, dato che conferma anche l'aumento dei controlli e dei servizi da parte di tutte le forze dell'ordine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La taverna al confine tra Vicentino e Trentino: salva dalla chiusura alle 18 per qualche metro

  • Coronavirus: il cibo per rafforzare il sistema immunitario

  • Vicenza misteriosa: leggende, storie, fantasmi

  • Coronavirus, impennata di nuovi positivi a Vicenza

  • Superenalotto, in provincia di Vicenza vinti 18mila euro

  • Lutto per Silvia Toffanin: è morta mamma Gemma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento