menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuole, lavori ed interventi nei 40 istituti cittadini per ripartire in sicurezza

Consegnati i nuovi arredi mentre si lavora per la sistemazione degli spazi interni ed esterni

Procedono le attività messe in campo dal Comune di Vicenza per l'avvio dell'anno scolastico in sicurezza, secondo quanto previsto dalla normativa anticontagio. Mercoledì mattina gli assessori all'Istruzione, ai Lavori pubblici e alle Infrastrutture fanno il punto sullo stato di avanzamento degli interventi e degli acquisti che sono stati concordati con i dirigenti scolastici, con l'obiettivo comune di ottenere più spazio nelle aule per garantire le distanze tra gli alunni senza dividere le classi.

Interventi e acquisti riguardano i dieci istituti comprensivi della città e i due CPIA (Ambrosoli e Barolini), che accolgono in edifici del Comune scuole dell'infanzia, primarie e secondarie di primo grado, oltre che la scuola di alfabetizzazione per adulti (CPIA) e che hanno presentato le richieste di arredi e le necessità relative ai lavori da eseguire negli spazi interni ed esterni, attenendosi alle linee guida del Ministero dell'Istruzione e della Regione Veneto che ha anche predisposto un manuale operativo. 

Le spese saranno coperte da un contributo del Ministero dell'Istruzione di 520 mila euro, derivante da fondi strutturali europei: indicativamente, 100 mila euro sono stati destinati all'acquisto degli arredi, 320 mila euro per i lavori interni e 100 mila euro per gli esterni.

“Con un enorme lavoro di squadra di cui ringrazio gli assessori ai lavori pubblici e alle infrastrutture e verde, i nostri uffici e i dirigenti scolastici e i loro collaboratori – dichiara l'assessore all'istruzione – arriviamo preparati al delicato appuntamento con l'apertura in sicurezza delle scuole. Sono in corso le consegne massive degli arredi che il Comune ha acquistato su richiesta degli istituti, sono stati praticamente completati tutti i lavori all'esterno delle scuole e sono stati avviati i lavori interni, secondo un programma che tiene conto delle urgenze e delle necessità. Si tratta di un grande risultato di cui la città può andare fiera”. 

“In questi mesi – aggiunge l'assessore ai lavori pubblici – abbiamo dato massima urgenza ai lavori di adeguamento delle scuole, consci di quanto importante sia, nell'emergenza, mettere prioritariamente in sicurezza i nostri ragazzi. Alcuni interventi, peraltro attesi da anni, saranno eseguiti con le scuole già aperte, ma interferendo al minimo con l'attività didattica”.

“Riattivare cancelli secondari da tempo inutilizzati, sistemare siepi e stradine, pavimentare cortili, rimuovere ostacoli – conclude l'assessore alle infrastrutture e al verde – è quanto ci hanno chiesto i dirigenti scolastici per rispondere all'indicazione di differenziare gli accessi. Si tratta di lavori che vanno ad aggiungersi a quanto abbiamo già fatto sui giardini scolastici e che contribuiscono a rendere le scuole non solo più sicure, ma anche più accoglienti”.

Per quanto riguarda gli arredi, sono state eseguite le prime consegne da parte delle ditte vincitrici delle quattro diverse gare attivate dall'assessorato all'istruzione per una spesa di circa 100 mila euro, in aggiunta alle richieste avanzate direttamente al Ministero dell'Istruzione dalle singole scuole.  Si tratta della fornitura di 613 banchi singoli (a cui si andranno ad aggiungere alcune migliaia di banchi chiesti dalle scuole al Ministero), 166 sedie, 4 lavagne bianche da applicare alle pareti, 530 lettini per le scuole dell'infanzia, 200 sedili per le gradinate dell'auditorium della scuola Bortolan, 18 mobili pensili. 

Negli spazi interni delle scuole sono stati eseguiti o già calendarizzati interventi di manutenzione straordinaria per sostituire e sistemare i pavimenti e tinteggiare i locali, controlli alle uscite di sicurezza, interventi ai bagni, ai montascale, alle scale esterne di sicurezza e alle porte interne per creare nuovi spazi. 

I lavori agli spazi esterni, di competenza dell'assessorato alle infrastrutture e verde pubblico per una spesa complessiva di 100 mila euro circa, riguardano 9 scuole e sono stati quasi tutti completati. Hanno previsto la sistemazione dei cortili, la pavimentazione di vialetti pedonali di accesso con relativi indicatori di distanziamento, la sistemazione di cancelli di ingresso, delle corsie delle piste di atletica, la creazione di aree gioco calpestabili adeguate alle nuove necessità e l'istallazione di recinzioni per giardini oscuranti.

Anche in questo caso la necessità è stata quella di creare degli spazi esterni funzionali per svolgere attività all'aperto e dei percorsi di accesso alle strutture in modo da garantire il distanziamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come sanificare il divano e farlo tornare nuovo

social

Enego: famiglia di orsi al Rifugio Valmaron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Loison tra le “100 Eccellenze italiane 2021” di Forbes

  • Attualità

    Yale Stock Trading Game, un bassanese sul podio

  • social

    Primo assaggio di primavera e primi bagnanti al Livelon

Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento