menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Qualità dell'aria: il lockdown ha abbattuto i livelli di inquinamento

L'analisi dell'Arpav aggiornata a maggio dimostra che il biossido di azoto (NO2) e le polveri PM10 sono diminuite rispettivamente del 28% e al 5%

Che effetti ha avuto il lockdown sulla qualità dell'aria in Veneto? Secondo il rapporto Arpav che estende ed aggiorna, al 31 maggio 2020, la precedente valutazione degli effetti sulla qualità dell’aria delle misure per l’emergenza COVID-19, la quarantena ha inciso sui due inquinanti atmosferici principali: il biossido di azoto (NO2) e le polveri PM10. Considerando l’intero periodo in analisi, dal 1° marzo al 31 maggio, si è stimato che le condizioni di restrizione abbiano comportato un risparmio dell’emissione di circa 5 mila tonnellate di NOx e di circa 150 tonnellate di polveri PM10 primarie. Questi quantitativi corrispondono rispettivamente al 28% e al 5%delle emissioni che si sarebbero avute da tutti i settori emissivi in Veneto nel periodo in esame.

La valutazione è stata effettuata utilizzando un triplice approccio: l’analisi delle concentrazioni degli inquinanti misurate dalle stazioni di monitoraggio per la qualità dell’aria di Arpav; la stima delle variazioni delle emissioni inquinanti dei settori interessati dalle restrizioni del lockdown; l’analisi delle concentrazioni stimate dal sistema modellistico SPIAIR utilizzato in Arpav per la previsione e la valutazione dell’inquinamento atmosferico.

L’effetto delle misure di restrizione, che hanno comportato la riduzione delle emissioni in particolare per alcuni settori emissivi chiave, tra cui in primis i trasporti, è stato evidenziato da una riduzione, ben visibile, delle concentrazioni di biossido di azoto durante le fasi 1 e 2, rispetto a quanto mediamente monitorato nel quadriennio precedente. 

Per quanto riguarda il PM10, la valutazione dell’effetto del lockdown sulle concentrazioni delle polveri sottili, risulta di più difficile quantificazione in quanto si tratta di un inquinante costituito, sia da una frazione primaria direttamente emessa, sia da una frazione secondaria dovuta alla trasformazione di altri inquinanti gassosi in particolato sottile. I fenomeni che avvengono in atmosfera e che portano alla formazione del PM10 sono molteplici e complessi e spesso le condizioni meteorologiche rivestono un ruolo preponderante nel determinare variazioni, sia stagionali che giornaliere, delle concentrazioni di tale inquinante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Madame, la giovane di Creazzo stasera al Festival di Sanremo

Attualità

Dpcm Pasqua: ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Loison tra le “100 Eccellenze italiane 2021” di Forbes

  • Attualità

    Yale Stock Trading Game, un bassanese sul podio

Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento