rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Attualità

Dal Metrobus alle ciclabile, la parola ai cittadini: un questionario per cambiare Vicenza

Metrobus, piste ciclabili, parcheggi e consegna delle merci in un questionario da compilare online entro il 23 febbraio

Nuovo Metrobus, trasporto pubblico ad anello attorno al centro storico, piste ciclabili, sosta in centro storico, parcheggi scambiatori, distribuzione delle merci dell'e-commerce, zone 30 all'ora: su questi temi, strategici per la mobilità, l'amministrazione comunale chiede il contributo dei cittadini invitati a compilare il questionario "Vicenza un passo avanti", ultimo step del percorso partecipativo per la la messa a punto del Pums, il piano urbano della mobilità sostenibile. "E' un'occasione unica - dichiara l'assessore alla mobilità Matteo Celebron - per dire la propria su scelte che l'amministrazione sta affrontando per disegnare la mobilità di domani, con l'obiettivo di avere una città sana, ciclabile, sicura e con servizi di mobilità collettiva efficienti. Per questo motivo invito i cittadini a partecipare numerosi anche a questa ultima fase partecipativa del Pums, restituendoci il proprio punto di vista su temi molto concreti e su scelte che hanno costi e impatti differenti". 

Il questionario on line è compilabile al link  https://arcg.is/1vWeXb entro il 23 febbraio.

I temi strategici sono stati individuati dal gruppo di lavoro del Pums anche attraverso l'incontro con 80 realtà cittadine che hanno partecipato al primo Forum della mobilità sostenibile Vicenza 2030 e alle oltre 2.000 persone che hanno risposto ad un primo questionario su qualità della vita nei quartieri e sulle nuove abitudini di mobilità nate con la pandemia. Il primo quesito del nuovo questionario riguarda il Metrobus, con le tre nuove linee del trasporto pubblico elettrico. Ai cittadini si chiede se il Metrobus dovrà condividere la strada con le auto, contare su semafori per avere priorità sul traffico o su una corsia preferenziale, e se si pensa di usare questo nuovo servizio.

Sempre per quanto riguarda il tpl, viene chiesto un parere sull'idea di sostituire l'attraversamento del centro storico con un nuovo percorso ad anello con corse affidate ogni 4 minuti a mezzi elettrici più piccoli. Per favorire l'uso della bicicletta negli spostamenti sotto i 5 chilometri, si chiede se sia prioritario intervenire in centro storico, nei corridoi verdi dedicati al tempo libero o per migliorare i collegamenti tra la periferia e il centro. Si chiede inoltre se sia meglio ottimizzare la sosta riducendo quella in strada con l'obiettivo di dedicare più spazio a marciapiedi, piste ciclabili e plateatici, o promuovendo la rotazione  dei parcheggi.

Rispetto ai parcheggi scambiatori collegati al futuro Metrobus, si chiede se sia più utile promuovere un servizio di interscambio con frequenza inferiore a 10 minuti di attesa e 20 minuti di percorso, l'installazione di telecamere o lo scambio con servizi di mobilità elettrica (bici, car-sharing, monopattini). Il tema della consegna delle merci acquistate tramite e-commerce viene affrontato con due  proposte: la realizzazione di piccole stazioni self-service o l'introduzione di un servizio di cargo bike. Infine, per rendere più sicure le strade e le piazze di quartiere, si chiede se si preferiscono interventi temporanei, attraversamenti rialzati o incroci rialzati.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Metrobus alle ciclabile, la parola ai cittadini: un questionario per cambiare Vicenza

VicenzaToday è in caricamento